Google Chrome e la navigazione in incognito, una falla per anni ha violato la privacy degli utenti

Google Chrome e la navigazione in incognito, una falla per anni ha violato la privacy degli utenti

La navigazione in incognito è un espediente che molti utenti di Google Chrome utilizzano per tutelare maggiormente la propria privacy. Nelle ultime ore, però, è emerso un vero e proprio caso: per anni, una falla all'interno del browser di Google ha permesso una violazione sistematica della riservatezza degli utenti.

Morto Karl Lagerfeld: la moda in lutto, addio al direttore creativo di Fendi e Chanel​



Con la navigazione in incognito, gli utenti possono utilizzare il browser senza che le pagine visitate finiscano nella cronologie, oltre ad una riservatezza maggiore per quanto riguarda le ricerche digitate, i cookies e i dati dei siti web. Tuttavia, i gestori delle pagine web hanno avuto a disposizione, per lungo tempo, un trucco per sapere se l'utente stava visitando la pagina in incognito.

Dietro questa possibilità ci sarebbe una vera e propria falla nella sicurezza di Google Chrome: basterebbe infatti ricorrere all'utilizzo di API FileSystem per individuare chi visita una pagina con la navigazione in incognito. Gli sviluppatori hanno comunque annunciato di voler correre ai ripari: come segnala il portale 9to5Google, la correzione arriverà con il prossimo aggiornamento, Chrome 74.
© RIPRODUZIONE RISERVATA