Google ammette di aver ascoltato le conversazioni registrate dall'Assistente anche senza l'avvio di "Ehi Google"

Google ammette di aver ascoltato le conversazioni registrate dall'Assistente anche senza l'avvio di "Ehi Google"

Google avrebbe ammesso di aver ascoltato le conversazioni registrate dall'Assistente Google anche senza l'avvio di "Ehi Google" da parte dell'utente. Il gigante della tecnologia ha ammesso i fatti durante un incontro a porte chiuse con i funzionari del governo indiano, secondo un rapporto, anche se Google ha tentato di chiarire le affermazioni. La società ha ammesso che il suo assistente a volte registra l'audio su uno smartphone anche quando non è stato convocato.

 

Leggi anche > Soundmoji: Facebook lancia le faccine con la clip audio incorporata

 

Google ha precedentemente ammesso che i dipendenti ascoltano brevi registrazioni per migliorare la comprensione della lingua nei suoi prodotti. «Come parte del nostro lavoro per sviluppare la tecnologia vocale per più lingue, collaboriamo con esperti linguistici di tutto il mondo che comprendono le sfumature e gli accenti di una lingua specifica», ha spiegato nel 2019 David Monsees, product manager di Ricerca Google.

 

Da allora Google ha cambiato le sue politiche, richiedendo agli utenti Home o Nest di scegliere di registrare le ricerche vocali in primo luogo, in risposta al contraccolpo. Se non sei sicuro di aver attivato o meno l'attivazione o se sei solo curioso di sapere cosa ha registrato Google su di te, ci sono modi per verificare.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 19 Luglio 2021, 17:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA