Elon Musk, la promessa che fa impazzire il web: «Internet veloce per tutti grazie ai satelliti Starlink»

Il progetto prenderà il via entro la fine del 2023 e si propone di raggiungere anche le zone più impervie del nostro Pianeta senza il bisogno di usare cavi sotterranei

Elon Musk, la promessa che fa impazzire il web: «Internet veloce per tutti grazie ai satelliti Starlink»

Elon Musk non è nuovo ad annunci del genere. E il progetto che ha in mente di realizzare meritava un annuncio degno del suo roboante intervento sul palco di Boca Chica in Texas. L'imprenditore ha annunciato di aver avviato una collaborazione con TMobile, una delle maggiori compagnie di telecomunicazioni al mondo, per un progetto su scala globale. Musk ha promesso per i prossimi anni una connessione internet veloce per tutti.

Leggi anche > Elon Musk: «Compro il Manchester United». Ma poi si smentisce: «È tutto uno scherzo»

La promessa

Dalla sede della base spaziale della sua SpaceX, Elon Musk fa una promessa che ha mandato letteralmente in delirio i tanti presenti al suo annuncio: una connessione a internet super veloce che raggiungerà tutti, anche le persone che vivono nelle zone più impervie del Pianeta.

Musk si è presentato sul palco di Boca Chica insieme a Mike Sievert, CEO di TMobile US. Vestito con una semplice maglietta con la scritta «Occupy Mars», l'imprenditore ha affermato che non ci sarà più bisogno di cavi sotterranei per la connessione internet: attraverso i satelliti Starlink inviati nello spazio, SpaceX e TMobile garantiranno infatti il collegamento diretto sui cellulari, bypassando server e provider.

Il progetto partirà nel 2023

Il progetto partirà con una serie di servizi di messaggistica entro fine 2023. Inizialmente, ha spiegato Elon Musk su Twitter, ogni satellite potrà garantire dai 2 ai 4 Mbps per ogni cella, dunque non sarà in grado di gestire grandi quantità di traffico. Ma sarà comunque utile in caso di emergenza, in attesa di potenziamenti futuri. Le cifre della joint venture tra SpaceX e TMobile non sono stare rese note.


Ultimo aggiornamento: Sabato 27 Agosto 2022, 17:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA