Whatsapp, Facebook e Instagram down in tutto il mondo per 15 ore. Fb spiega: «Non è stato un attacco informatico»

Whatsapp, Facebook e Instagram down in tutto il mondo per 15 ore. Fb spiega: «Non è stato un attacco informatico»

Whatsapp, Facebook e Instagram down per 15 ore, il più lungo della storia. Migliaia gli utenti coinvolti: come sottolinea DownDetector, dalle 17 in poi ci sono state migliaia di segnalazioni di malfunzionamento di Whatsapp, Facebook e Instagram in tutto il mondo. Per quanto riguarda Whatsapp, gli utenti hanno infatti segnalato malfunzionamenti nell'invio di foto e video e di note vocali: forti rallentamenti nell'utilizzo di Facebook (con tanto di messaggio «Facebook tornerà disponibile a breve»), impossibile caricare alcune pagine.

Luke Perry, la figlia 18enne insultata sui social: «Non passerò le notti a piangere»

Malfunzionamento anche con Instagram (per pubblicazione di post e stories) e Messenger, l'applicazione che gestisce la posta privata del social network blu. Intorno alle 18 da Facebook è arrivato un commento su Twitter«Alcune persone stanno avendo problemi nell'accedere alle applicazioni della famiglia Facebook - con riferimento ovviamente anche a Whatsapp e Instagram - stiamo lavorando per risolvere il problema il prima possibile».
Ovviamente su Twitter è un delirio di messaggi di chi si chiede il perché di quanto sta accadendo, e in tanti ironizzano su quanto accade solitamente in questi casi: chi usa sempre Facebook e Instagram, e apre Twitter solo se i primi due non funzionano. Al momento, tra i trend italiani su Twitter, #instagramdown è al primo posto, seguito da #facebookdown e #whatsappdown. 
NON È ATTACCO INFORMATICO Facebook esclude comunque che il malfunzionamento sia dovuto a un attacco informatico: in un tweet, la compagnia spiega di essere «concentrata a lavorare alla risoluzione del problema», e aggiunge di poter «confermare che il problema non è collegato a un attacco DDoS», cioè un attacco denial-of-service distribuito in cui numerose fonti prendono di mira un sito, inondandolo di richieste in modo da esaurirne le risorse informatiche e renderlo indisponibile agli utenti. 

Mercoledì 13 Marzo 2019, 17:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA