Tra Kyrgios e Tsitsipas è lotta in campo e fuori. Il greco: «Un bullo». La replica: «Ha seri problemi»

Video

A Wimbledon non si placa la polemica tra Nick Kyrgios e Stefanos Tsitsipas. L'australiano, considerato il 'bad boy' del tennis mondiale, ieri ha avuto la meglio sul greco, ma a tenere banco è soprattutto lo scontro tra i due, iniziato in campo e proseguito a distanza.

Leggi anche > Kyrgios batte Tsitsipas e vola agli ottavi: highlights

Al termine del match, in conferenza stampa, Stefanos Tsitsipas ha attaccato duramente Nick Kyrgios. L'australiano,  in una partita-show, ad alto tasso adrenalinico dove non sono mancate le proteste (ha chiesto anche all'arbitro l'espulsione di Tsitsipas per aver mandato intenzionalmente la palla tra gli spettatori), si è imposto 6-7 6-4 6-3 7-6. «Lui fa un bullismo costante, fa sempre il prepotente con gli avversari. Probabilmente era lui stesso un bullo a scuola, a me i bulli non piacciono. Ha sicuramente dei tratti positivi, ma io vedo un lato malvagio, che può fare molto male alle persone che ha intorno» - spiega il tennista greco - «Questa storia deve finire, non va bene. Qualcuno deve sedersi con lui e parlare. Non sono abituato a giocare in questo modo. Alla fine con lui non riesci a far finta di niente e comportarti come un robot: sembrava un circo. Ti stanchi delle continue lamentele. Non mi piacciono le persone che umiliano gli altri, nessun altro giocatore si comporta così».

Kyrgios dal canto suo nel post partita ha detto di aver capito perché Tsitsipas era nervoso, avendo perso due volte nelle ultime due settimane. «Forse dovrebbe prima capire come battermi un altro paio di volte». E ha riso delle accuse dell'avversario, descrivendolo come «morbido». «Non siamo fatti dalla stessa stoffa - Penso solo che lui abbia dei problemi seri, ma proprio seri. Nello spogliatoio ho molti amici, in realtà sono uno di quelli che piacciono di più. Lui no, mettiamola così. IO vengo sempre multato, lui ha preso con una pallata uno spettatore e cosa gli faranno? Ma io sto benissimo così, e sono pronto a tornare in campo subito». 


Ultimo aggiornamento: Domenica 3 Luglio 2022, 16:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA