I° Torneo Open di tennis – Memorial Thomas A. Navarra. Al CC.Lazio in gara gli eredi di Panatta e Zugarelli
di Ida Di Grazia

I° Torneo Open di tennis – Memorial Thomas A. Navarra. Al CC.Lazio in gara gli eredi di Panatta e Zugarelli

Si avvia verso il gran finale il I° Torneo Open di tennis – Memorial Thomas A. Navarra, organizzato con la collaborazione della Fit, che si sta disputando sui campi in terra rossa del Circolo Canottieri Lazio, con il patrocinio dell’Università degli Studi di Roma “Foro Italico”. Suggestiva la presenza degli Under 18 Francesco Panatta e Gabriele Zugarelli, nipoti rispettivamente di Adriano e Tonino. 

Leggi anche > Tennis, Berrettini: «Proverò a qualificarmi per le Atp Finals, obiettivo impensabile ad inizio anno»
Leggi anche > L'ultrà del tennis italiano a New York? È un tifoso laziale




Un grandissimo successo per questa prima edizione, che ha avuto un boom di iscritti, a largo raggio anagrafico, dagli Under 13 agli Over 50. In tutto i partecipanti sono 250, tra i quali figurano i migliori atleti dei circoli romani e non solo, in gara per conquistare il montepremi da 3.000 euro. Tra loro spiccano i nomi di Giorgia Marchetti, 24 anni, considerata una promessa già dagli esordi nelle giovanili, numero 170 nel Ranking Wta in doppio e 600 in singolo; Riccardo Ghedin, 33 anni, (best ranking 222 Atp e 109 in doppio) e Marco Viola, 36 anni (best ranking 600 Atp sia in singolo che in doppio).
Suggestiva la presenza degli Under 18 Francesco Panatta e Gabriele Zugarelli, nipoti rispettivamente di Adriano e Tonino. I loro nomi scanditi in successione, riportano alla memoria i fantastici anni Settanta del tennis italiano, quando Panatta conquistava Roma e Parigi in successione e conduceva gli azzurri al trionfo in Coppa Davis, con Bertolucci, Barazzutti e, appunto, Tonino Zugarelli, che di quella squadra era la riserva di lusso.
Le finalità dell'evento non sono soltanto sportive. Il torneo è infatti intitolato alla memoria di un adolescente di Boston che due anni fa si è tolto la vita. Il padre, un medico che insegna all’università di Harvard, ritenendo l’attività sportiva un efficace antidoto alla fragilità psicologica che turba l'esistenza di molti adolescenti, ha avuto l'idea di realizzare insieme al Circolo questa prima edizione, mettendo in palio una coppa d’argento che verrà consegnata definitivamente a chi riuscirà a vincere il torneo per tre volte consecutive. 
Intenso il programma di oggi, con sedicesimi e ottavi di finale. Domenica sempre al Circolo Canottieri Lazio le finali e la cena di gala con la consegna della coppa d’argento da parte della famiglia del piccolo Thomas.
 
Venerdì 13 Settembre 2019, 16:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA