Djokovic, la mamma lo difende: «In pubblico senza mascherina? Non sapeva di essere positivo»

Djokovic, la mamma lo difende: «In pubblico senza mascherina? Non sapeva di essere positivo»

In un’intervista televisiva alla rete australiana Channel 7, la donna ha spiegato che il figlio non sapeva del risultato positivo al test Covid quando è apparso in pubblico in Serbia

Continua il giallo sulla positività di Novak Djokovic. Se quanto affermato per partecipare agli Australian Open di tennis è vero, il campione sarebbe stato a contatto con il pubblico mentre era contagioso. Non tornavano infatti i conti dei giorni in cui avrebbe contratto l'infezione. Nel bel mezzo della positività Djokovic ha rilasciato un'intervista ed è apparso tra la folla senza la mascherina. A questo punto interviene la mamma. 

 

Leggi anche > Novak Djokovic ammette: «Ero positivo ma feci un'intervista». Nessuna decisione prima di domani

 

Djokovic, le parole della mamma

In un’intervista televisiva alla rete australiana Channel 7, la donna ha spiegato che il figlio non sapeva del risultato positivo al test Covid quando è apparso in pubblico in Serbia senza mascherina. «Probabilmente non lo sapeva. Non lo sapeva perché quando ha capito di essere positivo è andato in isolamento», ha dichiarato. «Se sei positivo devi essere in isolamento — ha sottolineato il primo ministro Ana Brnabic in un’intervista alla Bbc —. Non so quando abbia effettivamente ottenuto i risultati, quindi c’è una zona grigia».

 

Djokovic, il post su Instagram

Djokovic ha però ammesso di aver commesso l'errore di rilasciare un'intervista mentre era positivo. «Mi sono sentito in dovere di condurre l'intervista a L'Equipe perché non volevo deludere il giornalista», ha scritto Djokovic in un post di Instagram, ammettendo che avrebbe dovuto rimandare, ma sottolineando che in quell'occasione ha «preso le distanze sociali e ho indossato una mascherina, tranne quando è stata scattata una fotografia».

 

Djokovic, la permanenza in Australia

Intanto, il suo destino - rimanere o no in Australia e disputare il torneo che potrebbe dargli il 21° Slam in carriera, record assoluto - dipende dal ministro dell’immigrazione australiano Alex Hawke. La decisione definitiva era prevista per oggi 12 gennaio, ma potrebbe ancora slittare.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 12 Gennaio 2022, 11:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA