Berrettini leggendario, primo italiano finalista a Wimbledon. «Domenica porto il Tricolore». Sfiderà Djokovic

Berrettini leggendario, primo italiano finalista a Wimbledon. «Domenica porto il Tricolore»

Storica finale per Matteo Berrettini a Wimbledon, L'azzurro ha battuto in semifinale il polacco Hubert Hurkacz ed è il primo tennista italiano a riuscirci nella storia ultrasecolare del torneo inglese. Sul campo centrale, si è sbarazzato dell'avversario in quattro set, col punteggio 6-3, 6-0, 6-7, 6-4. Domenica affronterà Novak Djokovic che in semifinale ha battuto 7-6 7-5 7-5 il canadese Denis Shapovalov. Djokovic tenterà di vincere il suo sesto Wimbledon.

 

Berrettini, l'intervista a Leggo: «Wimbledon come il Queen's? Niente limiti e con Federer voglio riprovarci»

 

 

 

«Domenica sarà una grande giornata, spero che andrò ancora meglio: porto con me la bandiera dell'Italia, devo crederci». Sono le prime parole da finalista di Wimbledon Matteo Berrettini sullo storico campo centrale londinese.

 

Ancora Berrettini: «Non avrei mai nemmeno sognato una cosa del genere, perché è un sogno troppo grande e invece ci sono. E non ci sono altre parole. Non ho parole - ha detto a fine match - mi serviranno un paio d'ore per capire quello che è successo, ho giocato una grande partita, è arrivata la mia famiglia, c'è tutto quanto il team. Quando si gioca a questi livelli io cerco di essere al meglio dal punto di vista mentale, fisico, tattico, tecnico, pensavo di vincere il terzo set e l'ho perso, mi sono detto: bisogna reagire e la reazione è arrivata». Berrettini ha ricordato anche la sua prima partita sul campo centrale di Wimbledon, persa contro Federer. «Quella partita - ha detto - mi ha aiutato a tornare qui oggi. Adesso guarderò l'altra semifinale, ma ora ho bisogno di un giorno di riposo».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 9 Luglio 2021, 21:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA