Lazio-Bologna, esame Champions: Sarri in emergenza contro la squadra di Motta (che ha 5 punti in più)

Oggi, alle 12.30, la sfida contro la sorpresa del campionato

Lazio-Bologna, esame Champions: Sarri in emergenza contro la squadra di Motta (che ha 5 punti in più)

di Valerio Marcangeli

ROMA Un esame tira l'altro, ma stavolta a Sarri va bene così. Meglio mantenere alta l'asticella affrontando subito un altro avversario complicato, visti i crolli mentali del passato contro le piccole in seguito a grandi risultati. Il Bologna non sarà ai livelli del Bayern Monaco, ma i 42 punti in classifica (5 in più della Lazio, che però ha una gara in meno) non rendono affatto tranquillo il Comandante. Vincere in Champions League è sempre bello, soprattutto contro corazzate come quella bavarese, ma non va mai dimenticata la via principale per tornare nell'Europa che conta, ovvero il campionato. Così ieri pomeriggio nella rifinitura di Formello è arrivato l'imperativo di Mau: vietato abbassare la guardia. Oggi all'Olimpico (fischio d'inizio alle 12.30, previsti circa 40mila spettatori) ci sarà la sorprendente squadra di Thiago Motta, data per spacciata troppo presto dopo un gennaio da dimenticare con 2 punti in 3 partite e l'eliminazione dalla Coppa Italia, ma tornata alla ribalta con un febbraio perfetto, griffato da tre vittorie di fila, 10 gol segnati e solamente 2 subiti.

Lazio-Bologna: orario, dove vederla in tv e probabili formazioni

Alla faccia della crisi, il pensiero di Sarri, che dal canto suo invece ha dovuto ancora una volta preparare uno scontro diretto con una situazione di emergenza. In difesa non ci sarà lo squalificato Romagnoli mentre Hysaj al massimo andrà in panchina. In attacco Zaccagni ne avrà ancora per un po' (almeno Firenze) e ieri ha proseguito il suo percorso riabilitativo a parte rispetto ai compagni, ma è il centrocampo a preoccupare maggiormente il tecnico.

L'OCCASIONE DI CATALDI

Col Bologna infatti non ci saranno due registi su tre. Vecino non ha riportato infortuni all'adduttore sinistro, ma non ci sarà per una squalifica ingenua rimediata a Cagliari. Forfait inevitabile anche per il titolare di questa stagione in Serie A, Rovella, fermo per la pubalgia che è tornata a tormentarlo e che renderà inevitabili gli straordinari per Cataldi. Per il prodotto del vivaio biancoceleste si tratterà della terza partita di fila, exploit che non gli riusciva dall'inizio della stagione. Da settembre in poi infatti il numero 32, protagonista della cavalcata dell'anno scorso fino al 2° posto, ha pian piano perso il posto diventando un'alternativa a Rovella in campionato e a Vecino in Champions. Appena chiamato di nuovo in causa però Danilo non ha fatto mancare il suo contributo con un'applicazione che non è sfuggita a Sarri: «Sono contento perché mi sembra abbia ripreso la strada giusta dopo un periodo in cui non riusciva a replicare le prestazioni passate».

LE SCELTE

Elogio pubblico guadagnato a suon di recuperi e verticalizzazioni per Immobile, chiave di gioco che mancava da troppo tempo e che servirà pure oggi, anche se Mau gli chiederà di gestirsi visto che in panchina non ci saranno sostituti. Gli unici rimasti a disposizione per giocare in cabina di regia in caso di emergenza sono Guendouzi e Luis Alberto, destinati però a una maglia dal 1' proprio ai lati di Cataldi. L'ultima spiaggia sarebbe il reintegrato André Anderson. Scelte forzate anche in difesa dove, davanti a Provedel, Lazzari prenderà il posto di Hysaj mentre Patric (reduce dalla 200esima presenza in biancoceleste) è in vantaggio su Casale per fare coppia con Gila in assenza di Romagnoli. A sinistra Marusic resta in vantaggio sull'acciaccato Pellegrini. Davanti spazio ancora al tridente con Isaksen, Immobile e Felipe Anderson.
Ultimo aggiornamento: Lunedì 19 Febbraio 2024, 08:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA