La 4x100 stile libero dell'Italia nella storia: fantastico argento dietro agli Usa. «Abbiamo scritto una pagina dello sport azzurro»

La 4x100 stile libero dell'Italia nella storia: fantastico argento dietro agli Usa. «Abbiamo scritto una pagina dello sport azzurro»

La staffetta 4x100 stile libero maschile azzurra per la prima volta nella storia olimpica sale sul secondo gradino del podio conquistando l'argento, la seconda medaglia della storia dopo il bronzo della 4x200 stile libero di Massimiliano Rosolino, Filippo, Magnini, Simone Cercato ed Emiliano Brembilla ad Atene 2004. I quattro cavalieri azzurri: Alessandro Miressi, Thomas Ceccon, Lorenzo Zazzeri e Manuel Frigo stampano una gara fantastica chiudendo solo dietro agli statunitensi peraltro campioni uscenti. Il quartetto azzurro scende ancora sotto il record italiano (19 centesimi) già stabilito in batteria e chiude in 3'10"11. 

 

 

 

 

Spettacolari tutte le frazioni: ad aprire la staffetta Alessandro Miressi con 47”72, poi Thomas Ceccon con un 47”45 che già profumava di podio. Terza frazione con Lorenzo Zazzeri da 47”31 e per ultimo Manuel Frigo (47”63) che ha resistito agli attacchi di Canada e Ungheria e toccato in 3’10”11. Bronzo all'Australia in 3’10”22, Canada quarto in 3’10”82.

 

 

«Una gioia incredibile»

«È una gioia incredibile». Così i quattro azzurri della staffetta d'argento nella 4x100 esprimono la loro soddisfazione. «Non ci sono parole, non so descrivere questo momento, abbiamo scritto una bella pagina della storia dello sport italiano», ha ammesso Lorenzo Zazzeri. Sono felicissimo di far parte di questo gruppo: siamo uniti, ci siamo abbracciati anche prima di partire, eravamo convintissimi di poter fare una grande gara».

 
 

«Siamo felicissimi, siamo stati veramente bravi, una grande staffetta - ha dichiarato alla Rai Alessandro Miressi - Siamo veramente contenti e felici di questo argento». «Sapevamo di avere una buona possibilità di medaglia - ha aggiunto Thomas Ceccon, che pochi prima dell'argento ha staccato il pass per la finale dei 100 dorso -. Ho fatto la scelta di fare entrambe le gare, dato che ero andato bene nel dorso non potevo che fare altrettanto in staffetta. L'argento olimpico non è una cosa da tutti i giorni». «Per me - ha concluso Manuel Frigo - era impensabile soltanto tre anni fa essere qui e ora arriva addirittura una medaglia».

 

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Luglio 2021, 07:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA