Schwazer, il Tribunale Svizzero respinge il ricorso: addio Tokyo 2021. Donati: «Questa non è giustizia»
di Daniele Petroselli

Schwazer, il Tribunale Svizzero respinge il ricorso: addio Tokyo 2021. Donati: «Questa non è giustizia»

Addio sogno Tokyo 2021 per Alex Schwazer. Il marciatore azzurro, oro a Pechino 2008, ha ricevuto, dopo il Tas di Losanna, un altro no secco in merito alla richiesta di riapertura del processo sportivo e alla richiesta della sospensione della squalifica di 8 anni che gli era stata comminata nell’agosto 2016, stavolta dal Tribunale Federale Svizzero.

 

Leggi anche > Alex Schwazer a Verissimo: «Ecco come ho mantenuto la mia famiglia in questi anni...». Silvia Toffanin reagisce così

 

Il GIP di Bolzano tre mesi fa aveva scagionato dalle accuse di doping il marciatore altoatesino, tirando in ballo le scorrettezze della Wada (Agenzia Mondiale Antidoping) e di World Athletics (ex IAAF, la Federazione Internazionale di atletica leggera). Così era partita la richiesta al Tas e al Tribunale Federale Svizzero, ma adesso la doccia fredda: nessuna sospensione della squalifica e impossibilità di partecipare ai Giochi.

 

Leggi anche > Alex Schwazer, archiviata l'accusa di doping: «Le urine furono alterate». Iaaf e Wada sotto accusa

 

L'alternativa per Schwazer sarebbe quella di rivolgersi alla Corte Europea dei diritti dell’uomo, ma visti i tempi ristretti sarebbe impossibile arrivare a Tokyo. I legali però confermano: «Non ci fermeremo». Mentre Sandro Donati, tecnico e preparatore atletico di Alex Schwazer, non nasconde la sua delusione: «Ho descritto più volte questa cittadella di Losanna che governa tutta la giustizia sportiva internazionale. Sia io che l'avvocato in tutti i modi gli abbiamo detto che non avremmo fatto questo passo, avrei terminato con la vittoria al tribunale di Bolzano dopo una vera indagine di 4 anni e mezzo e non con queste cose che sono delle simulazioni di indagine. Avevamo anche sconsigliato ad Alex di andare al Tas nell'agosto del 2016. Perché il sistema della giustizia sportiva è chiaro. Il lato positivo sarebbe quello che attraverso questa vicenda si capisca che questo potere della giustizia sportiva è incontrollato e incontrollabile. E' autorefenziale, i loro procedimento sono tutti a correre che si risolvono in delle ore o in pochi giorni. E questa non è giustizia».


Ultimo aggiornamento: Sabato 15 Maggio 2021, 14:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA