MotoGp, le Pagelle dell'Andalucia: Valentino Rossi, ritorno di fiamma. Quartararo vicino alla perfezione, Bagnaia che peccato
di Daniele Petroselli

MotoGp, le Pagelle dell'Andalucia: Valentino Rossi, ritorno di fiamma. Quartararo vicino alla perfezione, Bagnaia che peccato

ROSSI – voto 7,5: un podio che mancava dal 14 aprile scorso (ad Austin). Il campione di Tavullia ha stravolto il lavoro nel suo team e sembra aver trovato quantomeno una luce in fondo al tunnel che la sua M1 aveva imboccato. Corsa davvero incredibile, di grande sforzo fisico per tenere una Yamaha comunque in sofferenza lì davanti. RITROVATO
VINALES – voto 5,5: parte bene, poi soffre incredibilmente per poi trovare un secondo posto in rimonta che non convince. Se non fosse stato per le cadute degli altri, sarebbe stata una vera delusione. Deve crescere come tutta la Yamaha. Gli manca ancora quella costanza per essere un serio candidato per il campionato. FORTUNATO
DOVIZIOSO – voto 5,5: dopo il terzo posto di una settimana fa, ci si aspettava qualcosa in più dal campione di Forlì ma è mancato clamorosamente. Sesto posto a salvare la faccia di Ducati, ma se vuole lottare per il Mondiale deve fare di più. E soprattutto approfittare dello stop di Marquez con punti pesanti. SGONFIATO
QUARTARARO – voto 9: è vero, Marquez non c’è ma il francesino con il primo successo centrato la scorsa settimana ha fatto uno step importante di crescita: in testa sin dal via, ha martellato tempi inavvicinabili per tutto il gran premio. E si candida a serio candidato per il Mondiale. Marc fa bene ad accelerare il rientro: se gli si dà troppo margine, sarà dura recuperarlo. MARTELLO
BAGNAIA – voto 7: una gara in rimonta incredibile, tre sorpassi perfetti su Miller, Vinales e Rossi, poi il tentativo di rimonta su Quartararo. Ma sul più bello il motore Ducati lo ha lasciato a piedi. Davvero un peccato per Pecco, che comunque sta crescendo molto bene. Così il podio è davvero vicino. SFORTUNATO
MORBIDELLI – voto 7: ancora un gran premio di sostanza per l’italo-brasiliano, che lotta fino a portarsi ai piedi del podio, ma poi la M1, come visto una settimana fa con Rossi, lo molla in pieno rettilineo principale. Certo ,avere un vicino di box come Quartararo così veloce gli mette una pressione enorme, ma a piccoli passi… IN CRESCITA
PETRUCCI – voto 4: gara anonima, come tutto il weekend del team Ducati ufficiale, poi una caduta che lo ha tolto dalla mischia. Soffre sempre troppo e fatica a trovare una costanza di rendimento. Serve tra due settimane dare un colpo, altrimenti si prospetta una stagione incolore. ANNEBBIATO
YAMAHA – voto 5: Quartararo fa il bis, seguito come una settimana fa da Vinales. In più stavolta c’è il tris con Rossi. Ma tutto questo non può nascondere il fatto che c’è un problema motore. Dopo Rossi, stavolta a fermarsi è stato Morbidelli. Ci son odei problemi seri e vanno risolti in fretta. O la corsa al Mondiale e a Marquez, nonostante l’infortunio dello spagnolo, potrebbe essere compromessa. PREOCCUPATA


Ultimo aggiornamento: Domenica 26 Luglio 2020, 16:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA