MotoGP Barcellona, le pagelle: Bagnaia esorcista, Espargarò mai domo. Bastianini anonimo

MotoGP Barcellona, le pagelle: Bagnaia esorcista, Espargarò mai domo. Bastianini anonimo

di Daniele Petroselli

A Barcellona va a Pecco Bagnaia la vittoria del GP di Catalogna della MotoGP. Sul podio Jorge Martin e Marc Marquez. Caduto ma comunque 174° Pedro Acosta.

LE PAGELLE

BAGNAIA - voto 9: l'errore grave nella Sprint lo carica ancora di più. Su una pista dove non ha mai brillato, anzi dove lo scorso anno ha rischiato la vita, il campione del mondo fa una gara in cui prima lascia sfogare gli avversari e poi piazza il colpo da maestro nel finale. ESORCISTA

MARTIN - voto 8: ci prova in tutti i modi a vincere, deve arrendersi però a un Bagnaia che gli dà ancora una volta una lezione di tattica. Rimane il fatto che è sempre saldamente in testa al Mondiale grazie alla sua costanza di rendimento. COSTANTE

ESPARGARO' - voto 7,5: all'ultima davanti ai suoi tifosi si rende protagonista di un'altra gara importante. Bella la lotta nel finale con Marc Marquez per quel podio che sarebeb stato un bel regalo. Comunque bravissimo. MAI DOMO

M.MARQUEZ - voto 7,5: anche lui è uno dei pochi che sceglie la morbida dietro, per provare a recuperare gli altri davanti. Stavolta però il miracolo non gli riesce totalmente, ma comunque la sua risalita gli regala un altro podio ed esalta il pubblico sulle tribune. ARREMBANTE

R.FERNANDEZ - voto 6,5: dopo l'amaro in bocca della Sprint, con la sua Aprilia del 2023 riesce comunque a rendersi protagonista di una prova di sostanza, sempre con il ritmo di Espargarò. Ha fatto il massimo che poteva. DECISO

MORBIDELLI - voto 5,5: azzecca il via, poi comunque riesce a mantenersi nella prima parte del gruppo tenendo anche un ottimo passo. Una gara finalmente convincente, magari il primo passo verso la risalita dopo un periodo non proprio semplice di adattamento con la Ducati. La rovina nel finale con una scivolata che non ci voleva. SPRECONE

ACOSTA - voto 5,5: sceglie la gomma morbida dietro, prima si mette alle calcagna di Bagnaia e poi di Martin e quando pare pronto per l'assalto ecco l'errore che gli costa la caduta. Sembrava poter essere la volta buona, invece... AZZARDATO

BASTIANINI - voto 4: voleva una gara di testa per giocarsi magari alla fine un podio e mandare un messaggio a Ducati in chiave rinnovo e invece non ha trovato il ritmo fin dall'inizio, chiudendo lontano dai primi anche per colpa di una penalità. ANONIMO


Ultimo aggiornamento: Domenica 26 Maggio 2024, 14:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA