Andrea Iannone sospeso per 4 anni per doping

Andrea Iannone sospeso per 4 anni per doping

Stangata per Andrea Iannone, pilota dell'Aprilia, che è stato sospeso per 4 anni per doping. La decisione choc è stata presa dal Tas, il tribunale arbitrale dello sport, che ha stabilito la sospensione con decorrenza dal 17 dicembre 2019 e che i risultati ottenuti a partire dal 1° novembre sono da considerarsi non validi, con conseguente perdita di medaglie, punti e premi. 

 

Iannone, 31 anni, dovrà restare fuori dalle competizioni fino a dicembre 2023. Il pilota ed ex compagno di Belen Rodriguez era stato sospeso il 31 marzo dopo essere risultato positivo ad un controllo antidoping dopo il gp di Malesia del 3 novembre. I giudici del Tas hanno respinto il ricorso presentato da Iannone contro la squalifica inflittagli a marzo dalla Disciplinare della FIM, che aveva riconosciuto una violazione del regolamento antidoping da parte del pilota abruzzese (presenza di Drostanolone).

 

Hanno invece accolto il ricorso presentato dalla WADA, che chiedeva appunto 4 anni di stop, sostenendo che Iannone non fosse riuscito a dimostrare «secondo lo standard richiesto» che l'origine della sostanza proibita fosse imputabile alla contaminazione da carne, consumata in un albergo di Sepang (Malesia). Secondo la difesa del pilota abruzzese infatti la presenza dello steroide sarebbe legata a carne contaminata: ma il Tas non gli ha creduto.

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 10 Novembre 2020, 14:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA