Marco Conidi: «Questa Vittoria a San Siro è per te Martina, ragazza giallorossa che ci hai lasciato troppo presto»

Marco Conidi: «Questa Vittoria a San Siro è per te Martina, ragazza giallorossa che ci hai lasciato troppo presto»

di Marco Conidi

Spiegarlo non è facile (dedicata a Martina).
Scrivo d'amore perché poi non so spiegarlo.
Scrivo canzoni perché a parlare normalmente non mi riesce a far capire bene cosa siano tutte quelle emozioni che condiscono la vita di un uomo.
Alcuni dicono che è solo calcio. 
Altri che sono solo miliardari in mutande che corrono dietro a un pallone.
Niente di più lontano dalla verità' per me.
In quel prato verde. 
In quelle maglie giallo ocra e rosso pompeiano.
Ci sono spesso le uniche nostre occasioni di riscatto. 
A volte gli unici momenti di non solitudine in un mondo che ci lascia sempre più soli e abbandonati.
A volte in un urlo c'è tutta la liberazione di cui abbiamo bisogno e che spesso la sorte avversa ci nega.
Ieri sono andato a salutare Martina e ad inaugurare un Roma Club intitolato a lei così prematuramente scomparsa.
Ho abbracciato Luana e a Stefano  che mi volevano con loro perché Martina cantava sempre la mia canzone. 

E allora in mezzo a una marea di amici, parenti, conoscenti abbiamo mandato un bacio al cielo e srotolato uno striscione per una ragazzina di 18 anni strappata alla vita per uno stupido incidente.
Non capirò mai come faccia una canzone a farti entrare così profondamente nella vita. delle persone a tal punto di volerti anche nei loro momenti più dolorosi , nei loro momenti più intimi.
Però una cosa la so.
La Roma e' sempre più che mai una famiglia.
Il dolore di uno e' il dolore di tutti.
Ma anche le vittorie sono di tutti.
E questa Martina Cara. 
Questa Vittoria Che Espugna San Siro. 
Questa è specialmente per te. 
Che ora starai cantando a squarciagola. 
Nella Curva Paradiso.
Nella Curva Più Bella del Mondo.
A Sud del Cielo. 
Quella Curva Che Abbraccia qui e ovunque i suoi figli e non li lascia Mai Soli....Mai
A Te ...🙏💛❤️


Ultimo aggiornamento: Domenica 2 Ottobre 2022, 09:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA