Chi di Pippo ferisce, di Simone perisce
di Gianfelice Facchetti

Chi di Pippo ferisce, di Simone perisce

Chi di Pippo ferisce, di Simone perisce o quanto meno oggi patisce: i due in questione sono fratelli e di cognome fanno Inzaghi. Il primo è stato centravanti del Milan, con un "killer instinct" cosi' spiccato che a volte in area di rigore mieteva vittime anche solo coi rimpalli; il secondo oggi siede sulla panchina dell'Inter e a dispetto dei pronostici è in testa alla classifica.

 

Lo è ancora di più dopo aver affrontato al meglio un mese di gennaio non semplice per tifosi deboli di cuore! Due vittorie ai supplementari contro Juve ed Empoli, la rimonta allo scadere contro il Venezia grazie a Dzeko, un triplo concentrato di emozioni che infonde fiducia nell'impresa nerazzurra e scoraggia chi aspettava il nostro crollo.

 

Il segreto? Più una questione di calma che di karma, pazienza anche in mezzo alle difficoltà dovute alla stanchezza. Inutile negarlo, abbiamo bisogno di rifiatare e, se possibile, di un buon innesto in mezzo al campo. Simone dice che è molto semplice e, quanto pare ormai, lui certe cose le sa.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 26 Gennaio 2022, 13:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA