Inter, Gianfelice Facchetti: «Serviva vincere per scacciare le malelingue. Ma passerà tutto»

Inter, Gianfelice Facchetti: «Serviva vincere per scacciare le malelingue. Ma passerà tutto»

di Gianfelice Facchetti

Non andavo a San Siro dal 22 maggio per Inter Samp, mentre a Reggio Emilia i cugini si cucivano lo scudetto sul petto. Sono tornato e di quel giorno ho ritrovato il calore di 70.000 persone e oltre: nel nuovo stadio, molte tra queste la partita se la vedranno da casa grazie alla miopia di chi sogna uno stadio più piccolo con prezzi più grandi. Milano del pallone, destati!

Torniamo al gioco... Dopo la sconfitta contro la Lazio serviva riprendersi in fretta e zittire le malelingue che si prefiguravano scenari horror. «Radu parerà tutto!», era la frase più ottimistica ripetuta dai menagramo forestieri ma anche tra quelli di casa che sono peggio. I nerazzurri invece, si sono presentati in campo con il piglio giusto dalle prime battute e hanno raccolto presto il frutto della loro fatica con Correa.

Con Barella in gran spolvero poi, la squadra è riuscita ad alzare i ritmi ritrovando verticalità e palleggio, a tratti. Quando attorno alla mezz'ora ha rallentato, la nuova scossa è giunta proprio da una prodezza del centrocampista sardo con un gran gol al volo. I ragazzi di Inzaghi, incoraggiato più volte dagli spalti, hanno mostrato voglia di ritrovare le cose migliori della passata stagione incappando ogni tanto in qualche disattenzione che poteva costare caro.

Il terzo gol di un Lautaro trascinatore, ha spazzato via ogni paura residua, proiettando il popolo nerazzurro con più fiducia verso il derby con tanto di sorpasso temporaneo, per quel che vale, sui cugini. La rete della Cremonese sul finale è comunque meritata, dice che occorre ancora più compattezza, specie pensando a sfide più probanti. Contava rialzarsi e lo abbiamo fatto. Conta stare accanto alla nostra Inter, minata da voci continue su chi va e chi viene, sul futuro del club. La tentazione di sbracciare come Brozovic l'abbiamo tutti perché ci sentiamo vulnerabili, dobbiamo andare oltre e pescare l'energie migliori dalla storia se serve. Passerà tutto questo e il cielo tornerà nerazzurro, crediamoci!


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 31 Agosto 2022, 16:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA