Francesco Oppini: «In questa serie A la speranza è l'ultima a morire. E io punto di nuovo sulla Juve campione»

Francesco Oppini: «In questa serie A la speranza è l'ultima a morire. E io punto di nuovo sulla Juve campione»

di Francesco Oppini

Mentre Milan, Napoli e Inter a turno non fanno altro che arricchire i bookmaker con i loro andamenti a tratti quasi singhiozzanti, alla Continassa, quartier generale della vecchia signora, ci si lecca le ferite per le tutte le occasioni sprecate in questa stagione di Serie A.

 

Così, nel campionato 21/22 del “Ciapa no” alla Juventus dell’Allegri Bis aumentano i rimpianti. È proprio vero pensare che se la vecchia signora avesse per esempio trasformato, tra le mille occasioni sprecate e cestinate, le due sconfitte con Empoli e Verona (senza contare gli zero scontri diretti vinti con le prime della classe), in due vittorie ora la squadra torinese sarebbe con tutta tranquillità prima con il Milan a giocarsi lo scudetto assieme alle altre due pretendenti.

 

Colpa dei giocatori, dell’allenatore, della dirigenza o della proprietà? Sicuramente le percentuali andrebbero suddivise in parti diverse, ma restare senza attaccante, dopo la partenza di CR7, per quattro lunghi mesi ha sicuramente influito e in questo caso attribuire colpe o responsabilità a tecnico o giocatori sarebbe totalmente cosa senza senso.

 

Data però che la speranza di ogni tifoso è l’ultima a morire e che il nostro motto è “Fino alla fine”, ho deciso anch’io di arricchire i centri scommesse con una giocata da dieci euro sulla vittoria dello scudetto! Lo so è follia, ma per amore si fanno follie e per tutti noi amanti del calcio le nostre squadre fanno parte della nostra sfera sentimentale e quindi perché non crederci facendo qualcosa di folle? Sperando negli ennesimi prossimi inciampi di chi ci precede vi saluto e abbraccio forte, ho da scommettere su qualcosa di totalmente folle, ma non impossibile.


Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Aprile 2022, 07:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA