Francesco Oppini: «Juventus, contro il Psg resta l’amaro in bocca, si poteva e doveva fare di più»

Francesco Oppini: «Juventus, contro il Psg resta l’amaro in bocca, si poteva e doveva fare di più»

Che peccato! La due giorni di Champions riconsegna a noi italiani un bottino un po’ amaro (un pari e due sconfitte), Napoli a parte che ha ampiamente dimostrato che si può giocare e vincere, anche nettamente, contro una delle più forti d’Europa. La Juventus però mi fa rimanere decisamente con l’amaro in bocca, perché al contrario della banda di Inzaghi che ha impattanto malamente e senza personalità contro un’altra big europea come il Bayern Monaco, poteva e doveva fare di più di perdere 2-1 in casa dei campioni di Francia parigini.

Mbappe’ in venti minuti ci aveva spedito letteralmente all’inferno, nonostante l’occasione colossale sprecata con Milik sul 1-0 iniziale loro, ma la Juventus, nella serata più importante, nel palcoscenico più prestigioso è riuscita comunque a sovvertire i pronostici di chi ci vedeva sconfitti sonoramente in partenza. Avere fuori rosa Pogba, Di Maria, Chiesa e Szczesny in un match del genere è cosa purtroppo determinante, ma questa squadra, improvvisamente ha comunque tirato fuori la sua storia, il suo dna e la sua non paura di affrontare chi con Messi, Neymar e Mbappe’ stesso farebbe tremare chiunque. Una volta riusciti ad accorciare le distanze con Mc Kennie e portarci sul 2-1 la vecchia signora ha rischiato più volte (vedi per esempio la parata di Donnarumma su Vlahovic e Locatelli in piena area che spreca) di agguantare un insperato pareggio, ma così, purtroppo non è stato.

Testa alla prossima sfida di Champions in casa con il Benfica, ma soprattutto testa alla Salernitana domenica in campionato e ripeto: che peccato!


Ultimo aggiornamento: Giovedì 8 Settembre 2022, 11:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA