Francesco Oppini: «Juve, contro l'Atalanta clamorose sviste arbitrali che con il Var non sono più tollerabili»

Francesco Oppini: «Juve, contro l'Atalanta clamorose sviste arbitrali che con il Var non sono più tollerabili»

di Francesco Oppini

Nella settimana che riporta noi juventini a rivivere lo spettro di calciopoli, la Juventus chiude con un pareggio che sa di ingiustizia e di rimpianti. Senza ancora conoscere le carte che hanno indotto la procura di Torino a sentenziare alla Juventus stessa una penalizzazione nel bel mezzo della stagione di meno 15 punti in campionato, la squadra di Allegri, ancora miracolosamente viva, si risveglia con un pirotecnico 3-3 contro l’Atalanta.

Un pareggio che sta stretto, molto stretto, pure troppo, perché oltre alla reazione dei giocatori in campo dopo una settimana che ammazzerebbe chiunque dal punto di vista emozionale e di concetto, c’è il rimpianto unito alle clamorose sviste arbitrali che con il VAR oggi, non sono più tollerabili. Non sono tollerabili proprio perché a causa di punti persi grazie a clamorose topiche arbitrali in questa stagione ai danni della vecchia signora contro Roma (mano di Smalling, goal del raddoppio annullato a Locatelli) e Salernitana (goal vittoria al 94 esimo valido annullato ingiustamente a Milik) si aggiungono quelle di ieri sera contro la Dea (soprattutto a detta di ex direttori di gara) e i punti di penalizzazione non sono più soltanto 15, ma al momento ben 21!


Ultimo aggiornamento: Lunedì 30 Gennaio 2023, 18:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA