Francesco Oppini: «Ci avrei pensato bene prima di far fuori Dybala»

Francesco Oppini: «Ci avrei pensato bene prima di far fuori Dybala»

Serata per cuori forti ieri sera all’Allianz Stadium in quel di Torino. Tutto questo non tanto per il risultato finale di 2-2 tra Juventus e Lazio ma più che altro per il doppio saluto a due capisaldi della squadra bianconera che molto hanno contribuito a questo decennio ricco di soddisfazioni e trofei: Giorgio Chiellini e Paulo Dybala.

 

Sembrava quasi si festeggiasse l’ennesimo titolo ieri sera, tutto era al suo posto nel salotto di casa Agnelli, quando in realtà, per l’appunto tutto era fatto, studiato e voluto per omaggiare due grandissimi protagonisti juventini di questa decade che per due motivi differenti salutano il campo e la squadra bianconera.

 

Giorgione saluta per “anzianità” e per affrontare da subito (salvo un probabile anno in America) una carriera dirigenziale proprio alla Juventus stessa, il secondo, ovvero Paulo, perché è la proprio la vecchia signora ad aver deciso di scegliere un progetto tecnico differente e che non comprendesse più la presenza dell’argentino e il suo lauto stipendio.

 

Non sono nessuno per giudicare tali scelte, ma tolto il caso Chiellini che è quasi una scelta naturale, sul caso Dybala è giusto che ognuno abbia la sua opinione personale ed io sinceramente, dopo le irrefrenabili lacrime di commozione e dispiacere esternate dal giovane ventinovenne ieri sera al fischio finale, ci avrei pensato più volte a non rinnovare ad un calciatore così attaccato e sua volta amato da chi ama questi colori.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18 Maggio 2022, 08:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA