Leclerc, la festa col principe di Monaco e la fidanzata dopo la vittoria: «Stanotte faccio tardi». Cosa è successo dopo il trionfo

Il ferrarista si è scatenato dopo il trionfo al Gp di casa, che mai aveva vinto in carriera

Leclerc, la festa col principe di Monaco e la fidanzata dopo la vittoria: «Stanotte faccio tardi». Cosa è successo

di Valerio Salviani

Dopo la vittoria, la festa con il principe di Monaco. Charles Leclerc si gode il trionfo a casa sua. È stato il primo monegasco a vincere il Gp di Montecarlo. Un'emozione unica, che ha fatto scendere una lacrima a tutti gli appassionati di Formula 1, ma soprattutto ai tifosi della Ferrari che aspettavano il sesto trionfo del "Predestinato" da due anni. Domenica 26 maggio Leclerc è partito in pole position a Monaco ed è rimasto in testa per tutta la corsa, fino alla bandiera a scacchi mostrata da Kylian Mbappé al traguardo. Poi, insieme alla fidanzata Alexandra, ha partecipato al classico ricevimento con la famiglia reale, al quale si è presentato elegantissimo insieme alla fidanzata Alexandra.

La festa con il principe di Monaco

Alberto di Monaco sale sul podio del Gp ogni anno per premiare il vincitore, ma mai come domenica 26 maggio era apparso così emozionato. Leclerc è riuscito a far piangere in diretta il sovrano. Poi, alla classica cerimonia che si tiene nella Salle des Etoiles dove partecipa solo il vincitore del Grand Prix, il ferrarista ha preso la parola sul palco. «È stata la più grande emozione della mia carriera. Da domani mattina... tarda mattina, comincerò a pensare alla prossima gara», ha detto, scatenando le risate del pubblico e gli applausi del principe e della principessa Charlene, anche lei sempre presente. 

Scatenato in discoteca

Dopo la cena con la famiglia reale, per Leclerc è cominciata la lunga notte di festeggiamenti.

Il pilota della Ferrari è stato al Jimmy'z, famoso locale della movida monegasca. In pista è stato visto ballare con occhiali da sole e con la bandiera di Montecarlo. Decisamente una notte da ricordare per tutta la famiglia Leclerc. 

La dedica al papà scomparso

«Negli ultimi giri pensavo a mio padre, era il nostro sogno vincere qui» la dedica a fine gara del pilota monegasco, tornato indietro al 2017, anno della perdita choc del papà Hervé, morto a soli 54 anni dopo una malattia. Un lutto che, come ha raccontato lo stesso Leclerc «mi ha aiutato a crescere, ma ne avrei fatto a meno». Nell curve sotto casa però il pilota Ferrari ha inseguito e confezionato il suo week end perfetto: e dopo il disastro del 2022, partito dalla pole e finito quarto tra pioggia e strategia a perdere dal muretto di allora, stavolta è vittoria. «Non ci sono parole per spiegare come mi sento. Questa gara è veramente difficile. Il fatto che per due volte ero partito in pole e poi non avevo vinto rende questa vittoria ancora più bella - ha detto il monegasco -. Significa tanto per me. Questa è la gara che mi ha fatto sognare di diventare un pilota di F1. Gara difficile a livello emotivo. A 15 giri dalla fine le emozioni stavano arrivando e speravo che non succedesse nulla. Pensavo a mio papà molto più di quanto pensassi a guidare. Lui ha dato tutto perché io fossi qui ed era una nostro sogno che io corressi e vincessi qui».


Ultimo aggiornamento: Martedì 28 Maggio 2024, 17:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA