Gp del Mugello, le prove: continua l'agonia Ferrari, ma Leclerc fa sognare

Gp del Mugello, le prove: continua l'agonia Ferrari, ma Leclerc fa sognare

UP
 
LECLERC – Una scheggia impazzita che riaccende i cuori di milioni di ferraristi avviliti. Non si sa come, non si sa il perché ma riesce a strappare un quinto posto che vale quasi come una pole. Quasi. LUMINOSO
 
BOTTAS – Sembrerebbe trovarsi molto bene sul circuito toscano. Tra prove e libere e qualifiche, il boscaiolo finlandese ritrova il feeling con la sua vettura e assume il ruolo di favorito numero 1 per la vittoria. Nonostante parta secondo. RAMPANTE   
 
MERCEDES – Se l’appetito, come si dice, vien mangiando sarà ancora un lungo e doloroso biennio. Per gli avversari. La W11 è un carrarmato potente, agile e sovrastante. Un mix letale. Sempre per gli avversari. IMBATTIBILE

VERSTAPPEN – Ancora una volta tiene orgogliosamente botta alla corazzata in nero e si candida, sempre in punta di piedi, a rompere le scatole ai dirimpettai. La vittoria non è una chimera. E lui, lo sa benissimo. ELETTRICO


DOWN

FERRARI – Un barlume di flebile speranza non cancella un’annata orrida. Ospite in casa propria e in balia di almeno 3 scuderie. Sicuramente l’impegno manca mai, i risultati però sono sotto gli occhi di tutti. LANCINANTE 

GASLY – Dopo il successo di domenica scorsa, si scioglie come neve al Sole. Eliminato in Q1, senza appello, scatterà dalla 16esima posizione. Troppo brutto per essere vero. Qualcuno lo svegli dalla trance monziana. LIQUEFATTO

SAINZ JR – Sembra uno yo-yo. Sale a Monza, scende al Mugello. Non è quello che si aspettava e non deve diventare una sfortunata abitudine. Ha tempo e modo per invertire il trend: la gara è una splendida occasione di redenzione. ALTALENANTE

LATIFI – Sì certo, non ha la fortuna di sedere su una Mercedes ma ogni tanto sarebbe bello riuscisse a dare un po’ di verve al quotidiano grigiore in pista. E’ approdato in F1 con molte speranze, rischia di lasciarla con soltanto certezze. ASSOPITO  
Ultimo aggiornamento: Sabato 12 Settembre 2020, 17:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA