Formula 1, le pagelle del Gran Premio di Spagna: Hamilton vince in rimonta, Verstappen secondo e deluso. Splendido Leclerc con la Ferrari
di Piergiorgio Bruni

Formula 1, le pagelle del Gran Premio di Spagna: Hamilton vince in rimonta, Verstappen secondo e deluso. Splendido Leclerc con la Ferrari

Queste le pagelle del Gran Premio di Spagna, quarta prova del Mondiale 2021 di Formula 1. Sul bel circuito di Montemeló, in Catalogna, vittoria in rimonta del solito e affamatissimo Lewis Hamilton. Alle spalle del britannico, un bravissimo Max Verstappen e Valtteri Bottas. Quarto Leclerc, settimo Sainz jr con le Ferrari.  

 

HAMILTON – voto 8: Centesima pole position il sabato, successo numero 98 in carriera la domenica. È un'ira di Dio che non conosce pause e pietà. Sta sempre sul pezzo, anche quando commette qualche errorino o la giornata non appare favorevole. L'uomo dei record è insaziabile, settimana dopo settimana. SORNIONE

 

VERSTAPPEN – voto 7.5: Partenza aggressiva e gestione gara da manuale. È consapevole di avere poche chance per vincere il titolo, ma non si tira mai indietro quando può cogliere l'occasione giusta. Grinta e coraggio lo fanno l'erede naturale dell'ingordo nemico Lewis Hamilton. SPINOSO

 

LECLERC – voto 7: Al via brucia Bottas e, per buona parte della giornata, lo costringe a inseguire. Lontano dal vincitore, chiude a ridosso del podio. La Ferrari, purtroppo, non è ancora pronta per vincere e, forse, non lo sarà mai quest'anno, tuttavia il monegasco è un osso durissimo. Sempre e comunque. Per chiunque. ORGOGLIOSO

 

RUSSEL – voto 6: Siede su una Williams, ovvero la prima antagonista del calesse a cavalli chiamato Haas, e già soltanto per questo motivo ogni piazzamento lontano dal fondo classifica è una festa. Sta crescendo e perfezionando il suo stile di guida. Un percorso di crescita che, alla fine, lo premierà. SOLARE

 

SAINZ JR. – voto 5.5: Una settimana non è servita per sbollire la brutta prestazione portoghese e resettare completamente la testa. Sulla pista di casa, dove da bambino si siedeva sugli spalti per tifare l'idolo Fernando Alonso, non regala acuti. La scuola guida in Rosso prosegue. TIMIDO

 

BOTTAS – voto 5: Molti, se non tutti, vorrebbero stare al suo posto. Il finlandese, però, chissà per quale percorso mentale, preferisce essere uno dei tanti: in tempi di magra come questi, uno spreco assurdo. Fa il solito compitino e si piazza col pop corn a guardare il duello Hamilton-Verstappen. SPETTATORE

 

NORRIS – voto 4.5: Ha una macchina da primissime posizioni ma, ogni tanto, spegne la luce e finisce nelle retrovie. L'inizio di stagione avrebbe dovuto e potuto regalargli un ruolo da vero protagonista: spesso si ritrova, invece, a inseguire con la lingua di fuori. AFFANNATO

 

MAZEPIN – voto 4: La sua Haas è paragonabile a un calesse trainato da cavalli, ma lui continua con costanza e coerenza a creare problemi ai colleghi. È decisamente acerbo e, di conseguenza, non ancora pronto per questo livello di competizioni. MACCHINOSO


Ultimo aggiornamento: Domenica 9 Maggio 2021, 16:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA