Formula 1, le pagelle del GP del Belgio: dopo una gara di appena 10 minuti, successo di Verstappen tra le polemiche. I meccanici Red Bull vincitori morali
di Piergiorgio Bruni

Formula 1, le pagelle del GP del Belgio: dopo una gara di appena 10 minuti, successo di Verstappen tra le polemiche. I meccanici Red Bull vincitori morali

Queste le pagelle del Gran Premio del Belgio, 12esima prova del Mondiale 2021 di Formula 1. Al rientro dalla pausa estiva, sullo storico tracciato di Spa-Francorchamps, dopo oltre 3 ore di rinvii a causa della pioggia battente e una gara di appena 10 minuti, peraltro dietro la safety car, è Max Verstappen a salire sul gradino più alto del podio. A seguire, si piazzano George Russel e Lewis Hamilton.

 

RED BULL – voto 10: I meccanici di Perez sono i veri vincitori morali del gran premio del Belgio. Costretti a ricostruire l'automobile del messicano, brillantemente a muro nel giro di allineamento, in meno di 2 ore compiono un vero miracolo. Si piazzano nel loro box, tirano giù la saracinesca e indossano le cosiddette ali. Ali che, però, vengono bruciate dalla mala gestio della direzione corse. PRODIGIOSI

COMMISSARI – voto 9: Dopo quasi 3 ore di umidità e sbadigli, si organizzano per disputare una gara. La loro gara. E, magicamente, in attesa di lumi dalla direzione corse, si ritrovano sul brecciolino zuppo dando vita a una dimostrativa, ma comunque appassionante, partita a bocce. INTRAPRENDENTI

VALSECCHI-MASOLIN – voto 8: Devastati dai continui rinvii della partenza, bagnati fino alle ossa, segnati dalle mascherine sul volto, dopo un paio d’ore di sfinente attesa svestono i panni degli inviati di Sky sul circuito di Spa e assumono quelli della storica resistenza belga nella Alte Ardenne. EROICI

RUSSEL – voto 6.5:
Al di là della gara, che stavolta fa discorso a parte, riesce a portare la Williams in prima fila. Un evento più unico che raro. E, tra pioggia e vento, incidenti e figuracce, safety car e rinvii, si ritaglia un weekend comunque da protagonista. Ha futuro e colpi da campione. IMPRESSIONANTE

LECLERC-SAINZ JR. – voto 5.5: Il paradosso climatico, così folle e inclusivo, permette al duo del Cavallino di cancellare dagli occhi dei tifosi la disastrosa qualifica del sabato. Non hanno meriti diretti, ma almeno riescono a uscire dai rispettivi box per una manciata di minuti e dare un senso all’ennesimo weekend da comparse. EMARGINATI

NORRIS – voto 5: Tra incidente in Q3 a circa 300km/h, sostituzione del cambio, successiva penalizzazione di 5 posizioni in griglia e gara scolorita, si può dire che quella in Belgio non sia stata una trasferta memorabile. Ha stoffa e potenzialità, ma deve lavorare sulla tenuta mentale. IMPALPABILE

PEREZ – voto 4: Riesce nell’epica impresa di finire a muro durante il giro di allineamento. Sospensione rotta e messicano con le mani nei capelli. Il rinvio della partenza per pioggia, tuttavia, permette ai suoi meccanici di ricostruire la vettura e rimetterlo in pista. Peraltro, inutilmente. ESAGERATO

FIA-LIBERTY MEDIA – voto 3: È soprattutto la seconda a tirare i fili del Circus, ma per equità va inclusa anche la Federazione Internazionale dell’Automobile nel pastrocchio belga. In condizioni climatiche estreme, lo show non può e non deve andare sempre avanti. Specialmente dopo oltre 3 ore e 15 minuti, con valori indubbiamente falsati. INSENSIBILI 

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 29 Agosto 2021, 19:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA