F1, GP Austria: Verstappen domina e allunga in campionato su Hamilton, Sainz quinto
di Massimo Costa

F1, GP Austria: Verstappen domina e allunga in campionato su Hamilton, Sainz quinto

I tre Gran Premi disputati in tre settimane (Francia, Stiria, Austria), hanno letteralmente stravolto i valori del Mondiale 2021. Alla vigilia di Le Castellet, dopo Baku, quando i due protagonisti della stagione non avevano raccolto punti, Max Verstappen aveva appena 5 lunghezze di vantaggio su Lewis Hamilton, 105 a 101. Dopo di che, sulla Mercedes si è abbattuto il ciclone Red Bull-Honda. Tre vittorie consecutive per Verstappen con Hamilton che è rimasto aggrappato al secondo posto a Le Castellet e nel GP di Stiria, ma nel GP di Austria odierno è crollato al quarto posto. Risultato: Max ha conquistato 77 punti in 3 gare, Lewis 49, un divario di 28 lunghezze che significa questo: 182 a 150. Certo siamo soltanto al nono Gran Premio su ventitre (sempre che vengano disputati tutti), ma l'impressione offerta da queste ultime prestazioni di Verstappen, è che la Red Bull-Honda si sia trasformata nella... Mercedes degli ultimi anni. Ossia, una monoposto perfetta, velocissima in ogni frangente, con un pilota che la sa interpretare come nessun altro. Nel suo 15esimo successo in carriera, Verstappen è stato implacabile, disputando una corsa fotocopia del GP di Stiria. Ora per lui un meritato riposo dopo questo incredibile tour de force che lo ha visto leader assoluto per 21 giorni.

 



Hamilton era risalito bene dalla quarta posizione di partenza, recuperando fino al secondo posto dopo un bel confronto con Lando Norris. Ma a un certo punto, la sua W12 probabilmente per un passaggio troppo violento su un cordolo, ha perso qualcosa nel fondo e di conseguenza almeno un 30 per cento di downforce. Per Hamilton è stato impossibile proseguire sul ritmo che stava tenendo ed ha iniziato a perdere terreno. La Mercedes gli ha così chiesto di lasciar passare Valtteri Bottas che era alle sue spalle, a rischio era infatti il secondo posto con quel Norris minaccioso alle loro spalle. Il pilota McLaren ha superato Hamilton, ma non ha raggiunto Bottas che ha così portato a casa una ottima prestazione. Per La Mercedes, giornata difficile quindi, vedremo se a Silverstone, dove potrebbero arrivare nuove parti per la monoposto, le cose miglioreranno.

Bel terzo posto di Norris e della McLaren. Una prova di forza importante quella offerta dalla squadra di Zak Brown che sette giorni fa aveva ottenuto il quinto posto. Per Norris, quarto nella classifica iridata, è il quarto terzo posto in carriera. E dire che questa volta la seconda posizione non era impossibile, ma quella penalità di 5" per avere accompagnato nella ghiaia alla curva 4 Sergio Perez che tentava il sorpasso, lo ha fregato.
E' un punto sicuramente molto complicato quello della curva 4, che porta i piloti a tentare di sorprendere gli avversari all'esterno, ma il rischio di finire fuori è elevato perché chi si trova all'interno non sempre riesce a tenere la giusta linea. Ci ha pensato la direzione gara a dirimere la questione punendo Norris, ma successivamente anche Perez perché con poca furbizia, si è comportato con Charles Leclerc allo stesso modo del britannico. E per di più in due occasioni: alla curva 4 e alla 5. Problemi, questi, che in quel tratto di pista si verificano anche nelle formule minori.

Perez ha dunque rovinato la propria gara e una tiratina di orecchi da Christian Horner sicuramente la prenderà. Poteva giocarsi il podio, invece ha concluso sesto non portando punti importanti alla squadra. Grande prestazione di Carlos Sainz. In Ferrari si è deciso di farlo partire con le gomme hard e all'inizio lo spagnolo ha faticato parecchio. Ma è emerso alla distanza con forza. Tra gli ultimi a effettuare l'unico pit-stop, Sainz con le medie nella parte finale della gara ha fatto faville recuperando posizioni, passando con ordine di squadra Leclerc e compiendo uno splendido sorpasso all'ultimo giro su Daniel Ricciardo. Leclerc ha terminato ottavo, bloccato in due occasioni da Perez. Certo, va detto che il monegasco, capita l'antifona con il messicano, poteva tentare una manovra di sorpasso meno audace nella seconda occasione, ma tant'è.

Anche se il suo compagno di squadra rimane lontano, Ricciardo ha offerto una prova tosta che lo ha portato a concludere in settima posizione. L'Alpha Tauri-Honda continua nella sua missione di essere con Red Bull e McLaren il terzo team che ha recuperato punti in tutte le gare fino ad ora disputate. Pierre Gasly infatti, si è piazzato nono. Peccato per Yuki Tsunoda che per due volte è stato penalizzato per avere pestato la linea bianca di ingresso box. L'ultimo punto è andato al solito combattivo Fernando Alonso che con l'Alpine-Renault negli ultimi giri ha ingaggiato un grande duello con George Russell. Peccato per l'inglese e per la Williams-Mercedes, che ancora una volta hanno fallito l'obiettivo punti, ma il gran weekend disputato dovrebbe essere di conforto. Nessun punto per l'Aston Martin-Mercedes, bene nella prima parte, ma crollata nelle prestazioni quando contava esserci. Kimi Raikkonen all'ultimissimo giro ha poi inspiegabilmente speronato Sebastian Vettel. Peccato per Antonio Giovinazzi, costretto subito ai box da una incauta manovra di un Esteban Ocon che in queste ultime settimane lascia perplessi.

Domenica 4 luglio 2021, gara

1 - Max Verstappen (Red Bull-Honda) - 71 giri
2 - Valtteri Bottas (Mercedes) - 17"973
3 - Lando Norris (McLaren-Mercedes) - 20"019
4 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 46"452
5 - Carlos Sainz (Ferrari) - 57"144
6 - Sergio Perez (Red Bull-Honda) - 57"915 *
7 - Daniel Ricciardo (McLaren-Mercedes) - 1'00"395
8 - Charles Leclerc (Ferrari) - 1'01"195
9 - Pierre Gasly (Alpha Tauri-Honda) - 1'01"844
10 - Fernando Alonso (Alpine-Renault) - 1 giro
11 - George Russell (Williams-Mercedes) - 1 giro
12 - Yuki Tsunoda (Alpha Tauri-Honda) - 1 giro
13 - Lance Stroll (Aston Martin-Mercedes) - 1 giro **
14 - Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo-Ferrari) - 1 giro
15 - Nicholas Latifi (Williams-Mercedes) - 1 giro
16 - Kimi Raikkonen (Alfa Romeo-Ferrari) - 1 giro
17 - Sebastian Vettel (Aston Martin-Mercedes) - 1 giro
18 - Mick Schumacher (Haas-Ferrari) - 2 giri
19 - Nikita Mazepin (Haas-Ferrari) - 2 giri

Ritirato
Esteban Ocon

* 10" di penalità
** 5" di penalità

Il campionato piloti
1.Verstappen 182; 2.Hamilton 150; 3.Perez 104; 4.Norris 101; 5.Bottas 92; 6.Leclerc 62; 7.Sainz 60; 8.Ricciardo 40; 9.Gasly 39; 10.Vettel 30; 11.Alonso 20; 12.Stroll 14; 13.Ocon 12; 14.Tsunoda 9; 15.Raikkonen, Gioviniazzi 1.

Il campionato costruttori
1.Red Bull-Honda 286; 2.Mercedes 242; 3.McLaren-Mercedes 141; 4.Ferrari 122; 5.Alpha Tauri-Honda 48; 6.Aston Martin-Mercedes 44; 7.Alpine-Renault 32; 8.Alfa Romeo-Ferrari 2.

LA CRONACA

Finale - Vittoria di Verstappen tra il tripudio dei tifosi olandesi. Secondo Bottas e terzo Norris, poi quarto Hamilton e quinto sale Sainz per la penalità a Perez che scivola sesto. Settimo Ricciardo, poi Leclerc Gasly e Alonso, questi i piloti a punti. Undicesimo Russell poi Tsunoda Stroll Giovinazzi Latifi Raikkonen Latifi Schumacher e Mazepin

Ultimo giro - Incidente innescato da Raikkonen su Vettel, entrambi ritirati, mentre lottavano per il 12esimo posto.

69° giro - Russell ora si deve guardare da Raikkonen mentre Sainz è in coda a Ricciardo

68° giro - Sainz è a mezzo secondo da Ricciardo, 3 giri al traguardo

67° giro - Alonso supera Russell ed entra in top 10, lasciando fuori dai punti il pilota Williams

66° giro - Verstappen tiene la testa con 11" di vantaggio su Bottas e 14" su Norris. Leclerc ha fatto passare Sainz che prova di attaccare Ricciardo. Continua il duello Russell-Alonso

64° giro - Sainz ha raggiunto Leclerc ed è più veloce per tentare il sorpasso a Ricciardo

62° giro - Verstappen segna il gpv nonostante dai box gli avessero suggerito di non farlo in quanto già lo deteneva (vale 1 punto).

Verstappen rientra primo con 7"2 su Bottas e 8"8 su Norris, Hamilton quarto è a 29"8. Quinto Perez che precede Ricciardo e Leclerc, vicinissimi. Sainz si avvicina al compagno ed è a 2"3. Nono Gasly, poi gran duello tra Russell e Aonso per il decimo posto

60° giro - Secondo pit-stop per Verstappen che rimonta gomme hard

56° giro - Verstappen +24"8 Bottas +26" Norris poi Hamilton Perez che ha passato Ricciardo, Leclerc Sainz Gasly Russell Alonso Raikkonen Vettel Tsunoda Stroll Giovinazzi Latifi Schumacher Mazepin

Ancora penalità questa volta per Stroll, 5". E nuovamente a Tsunoda che nel secondo pit-stop ha ancora pestato la linea esterna

53° giro - Hamilton ai box per un secondo pit-stop e rimonta gomme hard

Hamilton arranca e nulla può per resistere a Norris che va terzo

52° giro - Verstappen Bottas Hamilton Norris Perez Ricciardo Leclerc Sainz Gasly Russell Alonso Raikkonen Vettel Tsunoda Giovinazzi Latifi Schumacher Mazepin

Ordine di squadra in casa Mercedes, Hamilton fa passare Bottas che è più rapido

50° giro - Verstappen +21" Hamilton in difficoltà, a questo punto la Mercedes comunica a Bottas che è libero di attaccare il compagno di squadra in quanto Norris si avvicina

49° giro - Ecco il pit-stop di Sainz che monta gomme medie

47° giro - Leclerc riprova a passare Perez, ma va nuovamente nella ghiaia. Non sembra che Perez abbia particolari colpe questa volta

46° giro - Gasly va ai box per il secondo pit-stop

Intanto Sainz, partito con le gomme hard, è quinto e non ha ancora fatto il pit-stop

44° giro - Ricciardo duella con Gasly per la sesta posizione, dietro di loro Perez e Leclerc

Hamilton è in difficoltà col posteriore della sua Mercedes dopo aver colpito con violenza un cordolo

42° giro - Perez riceve 5" di penalità per aver colpito Leclerc

41° giro - Hamilton perde su Verstappen ed ora è a 17"5, ma Bottas gli si avvicina rapidamente

40° giro - Leclerc tenta un sorpasso azzardato a Perez e va in ghiaia prendendosi una ruotata

Siamo a metà gara, Verstappen +15" Hamilton +19" Bottas +22" Norris +32" Sainz +43" Raikkonen (Carlos e Kimi ancora senza pit-stop) poi Gasly Ricciardo Perez Leclerc Tsunoda Vettel Russell Stroll Alonso Latifi Giovinazzi Schumacher Mazepin

34° giro - Mentre Verstappen segna il gpv e porta a 14" il vantaggio su Hamilton, Leclerc va ai box per montare le gomme hard e rientra decimo, ma dietro a Perez che prima precedeva

Leclerc Sainz e Raikkonen sono i piloti in top 10 che ancora non hanno cambiato gli pneumatici

33° giro - Pit-stop per Perez e Alonso, già ai box anche Giovinazzi

32° giro - Pit-stop per Verstappen che marca Hamilton. L'olandese riparte e tiene il comando della corsa

31° giro - Pit-stop per Hamilton, che riparte con gomme hard

30° giro - Pit-stop per Norris e Bottas. Norris sconta la penalità di 5" e così Bottas passa davanti a lui in pit-lane

29° giro - Pit-stop per Ricciardo che monta gomme hard mentre Tsunoda ha una penalità di 5" per aver oltrepassato la linea bianca dell'ingresso box

29° giro - Perez comincia a infastidire Leclerc per la sesta posizione

28° giro - Hamilton non riesce a ridurre lo svantaggio da Verstappen, che sale leggermente a 11"2

23° giro - Verstappen ha un vantaggio di 10" su Hamilton e l'inglese gira sui tempi dell'olandese. Norris si trova a 3" da Hamilton e vede avvicinarsi Bottas, a 2". Poi, staccati di 22", c'è un gruppetto con Ricciardo Leclerc Perez e Sainz, a 5" dallo spagnolo Russell che ha in scia Raikkonen e Alonso

20° giro - Hamilton supera Norris e si porta in seconda posizione mentre il pilota McLaren riceve anche 5" di penalità per aver accompagnato in ghiaia Perez

Verstappen comanda sereno con 8"6 su Norris e Hamilton, quarto è Bottas a 12"5, più staccato, a 33"7 c'è Ricciardo davanti a Leclerc Perez Sainz Russell Raikkonen Alonso Latifi Giovinazzi Gasly Tsunoda Schumacher Vettel Stroll Mazepin

Tutti i piloti partiti con le soft hanno cambiato le gomme

17° giro - Ricciardo (gomme medie) supera bene Vettel che resiste con le soft, ma poi entra ai box per montare le hard

16° giro - Verstappen vola in testa e porta a 7" il vantaggio su Norris e Hamilton, poi Bottas Vettel attaccato da Ricciardo, Leclerc Perez Sainz Russell, questa la top 10

14° giro - Pit-stop per Stroll che dalle soft passa alle hard

14° giro - Leclerc attacca Perez, il messicano resiste all'interno, ma dopo l'incrocio di traiettorie alla curva 3, la Ferrari riesce a prendersi la posizione

13° giro - Pit-stop per l'altra Alpha Tauri di Gasly

12° giro - Pit-stop di Tsunoda che lascia le soft per le hard

11° giro - Norris riesce a resistere ad Hamilton, entrambi sono a 5" da Verstappen che passeggia al comando. Quarto è Bottas a 3" dal duo Norris-Hamilton, poi le due Alpha Tauri con Gasly e Tsunoda, le due Aston Martin con Stroll e Vettel, Ricciardo, Perez, Leclerc, Sainz, Russell, Raikkonen, Alonso, Latifi, Giovinazzi Schumacher e Mazepin

9° giro - Hamilton avvicina Norris e comincia a studiare un punto di attacco

8° giro - Grande gara di Norris che tiene il 2° posto su Hamilton e a parità di gomme medie.

Penalità di 5" a Giovinazzi per aver superato un rivale prima della linea safety-car quando la vettura civetta rientrava ai box

5° giro - Verstappen allunga ed ha 2"7 su Norris 3"5 su Hamilton poi Bottas Gasly Tsunoda Stroll Vettel Ricciardo Perez Leclerc (che ha perso posizioni nel duello con Vettel) Ricciardo Perez Leclerc Russell Sainz Raikkonen Alonso Latifi Giovinazzi Schumacher Mazepin

3° giro - La safety-car rientra ai box, Verstappen rallenta tutti e Perez al restart attacca Norris in un paio di occasioni. Ma il messicano eccede e va in ghiaia perdendo posizioni, ne approfitta allora Hamilton che sale terzo dietro a Norris

Verstappen parte bene davanti a Norris Perez Hamilton Bottas Gasly Tsunoda Stroll Vettel Leclerc Russell Ricciardo Sainz Raikkonen Alonso Giovinazzi Schumacher Latifi Mazepin Ocon che ha danneggiato la sospensione anteriore destra in un contatto con Giovinazzi. L'italiano va ai box per cambiare gomme e monta le hard. Entra la safety-car per rimuovere l'Alpine di Ocon

Tutto è pronto per il giro di ricognizione. Con le gomme soft partono Gasly Tsunoda Stroll e Vettel, con le hard Sainz e Raikkonen.

Per il Gran Premio di Austria, rispetto alla scorsa settimana quando sullo stesso circuito Red Bull Ring di Spielberg si è svolto il GP della Stiria, è stato ammesso un notevole quantitativo di pubblico e la torcida olandese non si è fatta sfuggire l'occasione per presentarsi in massa. Sono i tifosi di Max Verstappen, che lo seguono fin da quando ha debuttato in F1 nel 2015. Un pubblico caldissimo, organizzato, tanto che il management del pilota Red Bull ha creato una sorta di agenzia turistica per permettere ai tanti tifosi di acquistare i biglietti, prenotare gli aerei quando necessita, gli alberghi e quant'altro. Il circuito austriaco, come quello di Spa nel vicino Belgio, è la meta preferita dei fans di Verstappen che bivaccano nei camper o in tenda negli ampi prati che circondano il Red Bull Ring.

 

Terza pole consecutiva per Verstappen che batte un incredibile Norris, Ferrari fuori dalla Q3

 

IL GP - Nel 2020, per la pandemia, tutto si era bloccato, ma questa è la prima vera trasferta dove gli olandesi hanno varcato in massa il confine per tornare a sospingere il loro idolo. Che li sta ripagando alla grande. Come sabato scorso, Verstappen partirà dalla pole e il rischio che si ripeta il copione del GP della Stiria, dominato con facilità, è elevato. Le Mercedes appaiono una volta di più in difficoltà, con Lewis Hamilton addirittura quarto e Valtteri Bottas quinto. Davanti a loro, in prima fila scatterà un eccezionale Lando Norris, ma la sua McLaren-Mercedes non potrà sfidare a lungo la più veloce Red Bull-Honda di Verstappen. Magari nei primi giri sì, ma sulla distanza il passo della RB16B prenderà il sopravvento. C'è poi il compagno di Max, Sergio Perez, buon terzo in griglia e davanti alle Mercedes, il quale farà di tutto per rallentare Hamilton e Bottas. Insomma, tutto sembra essere perfetto per consentire a Verstappen di vincere il suo quinto GP stagionale allungando ancora di più su Hamilton nella classifica generale.

 

 

 

 

LE FERRARI - Le Ferrari? Carlos Sainz partirà decimo (non più undicesimo per la penalità a Sebastian Vettel per blocco su Fernando Alonso in Q2) e Charles Leclerc scatterà dodicesimo. Entrambi sono con gomme medie e questo potrà permettere loro di rimontare bene in gara su chi partirà con le soft davanti a loro. Per i due ferraristi sarà una gara di attesa.


Ultimo aggiornamento: Domenica 4 Luglio 2021, 20:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA