Gp Francia, vittoria sudata di Verstappen su Hamilton, terzo Perez, Ferrari fuori dai punti
di Massimo Costa

Gp Francia, vittoria sudata di Verstappen su Hamilton, terzo Perez, Ferrari fuori dai punti

Che duello. Il Mondiale 2021 è sempre più affascinante. Max Verstappen ha beffato Lewis Hamilton a 2 giri dalla conclusione rimediando all'errore commesso subito dopo il via, alla prima curva, che aveva permesso all'inglese della Mercedes di prendere il comando della gara. Verstappen è tornato in testa quando Hamilton ha affrontato il suo primo e unico pit-stop un giro dopo al cambio gomme del rivale olandese. Una mossa strategica non riuscita quella del team di Toto Wolff, ma va detto che Max ha effettuato un super giro in quel frangente. Hamilton ha seguito come un ombra Verstappen, ma a un certo punto entrambi hanno alzato il ritmo perché si sono accorti che se avessero proseguito con quel passo, non sarebbero arrivati al traguardo per via dell'eccessivo degrado delle Pirelli hard. A quel punto, la Red Bull ha deciso di effettuare un secondo pit-stop prendendo in contropiede la Mercedes. Al giro 32, Verstappen è rientrato per montare gomme medie, Hamilton e il suo ingegnere hanno deciso di proseguire con le hard tentando di resistere. Verstappen, velocissimo, ha recuperato in fretta superando Sergio Perez e Valtteri Bottas, che non è riuscito a tenere dietro l'avversario neanche per un giro causa errore, ma il finlandese era in grossa difficoltà con il degrado gomme, montate al giro 17. 

E' quindi iniziato il lungo inseguimento di Verstappen a Hamilton. Il quale cercava di compiere qualche giro a non elevata andatura per far riposare gli pneumatici, poi affrontava due tornate veloci e via dicendo. Dal 32° al 51° passaggio, la rincorsa di Verstappen è stata esaltante e quando ha raggiunto la sua preda, l'ha divorata senza che questa offrisse la minima resistenza. Del resto, non avrebbe avuto senso per Hamilton sapendo che la Red Bull era nettamente più rapida. Nessun rischio per Lewis che a quel punto, amareggiato, si è accontentato dei 18 punti pensando ad un campionato che è ancora molto lungo. Per la Red Bull-Honda è il terzo successo consecutivo dopo Montecarlo (Verstappen), Baku (Perez) e appunto Le Castellet, nuovamente con l'olandese che già si era imposto a Imola. Su sette gare fino ad ora disputate, sono quattro le vittorie del team diretto da Christian Horner, tre quelle Mercedes, tutte ottenute da Hamilton a Sakhir, Portimao e Montmelò. Verstappen aumenta il vantaggio in campionato a 12 punti in questo mondiale tutto da gustare.

Positiva la prova di Perez che si è guadagnato il terzo gradino del podio, non si può dire altrettanto di Bottas che pure aveva un buon passo nella prima parte del Gran Premio. Ma alla fine ha faticato con le gomme e si è pure arrabbiato col team per non avere impostato una strategia sulle due soste. Ma Perez, in ogni caso, ha fatto un pit-stop come lui gestendo meglio gli pneumatici. Con le prime quattro posizioni blindate da Red Bull e Mercedes, il quinto posto è andato alla McLaren-Mercedes di Lando Norris che ha preceduto un finalmente volitivo e utile alla causa Daniel Ricciardo. Le MCL35M non avevano offerto un gran prova in qualifica, ma in gara hanno recuperato molto bene permettendo ai due piloti di Zak Brown di condurre una corsa tutta all'attacco. In settima posizione, la sempre eccellente Alpha Tauri-Honda, a punti in tutte le sette gare disputate. A centrare l'obiettivo il solito Pierre Gasly mentre Yuki Tsunoda sfortunato, è partito dai box arrivando 13esimo.

Fernando Alonso ci ha preso gusto ed ha concluso ancora in zona punti, ottavo. Ma dall'Alpine-Renault ci si aspettava molto di più. Esteban Ocon, nel finale ha perso velocità finendo fuori dalla top 10. Ha azzeccato tutto la Aston Martin-Mercedes, non sempre bene nelle strategie. Partiti con le hard, Sebastian Vettel e Lance Stroll sono stati bravissimi nella gestione gomme concludendo al nono e decimo posto.
Clamorosamente fuori dai punti la Ferrari. Faremo la gara sulle McLaren, avevano detto. Ma ben presto si è capito che Carlos Sainz e Charles Leclerc dopo un buon inizio sono stati travolti dall'eccessivo riscaldamento degli pneumatici. Sainz da quinto che era nelle prime battute, ha concluso 11esimo, Leclerc ha dovuto effettuare due pit-stop e il traguardo lo ha attraversato da 16esimo. E' la prima volta nel 2021 che la Ferrari non incassa punti e perde così il terzo posto nella classifica costruttori che aveva conquistato a Baku. Ovviamente a favore della McLaren.

La cronaca

Finale - Vince Verstappen con 2"9 su Hamilton, terzo posto per Perez poi Bottas Norris Ricciardo Gasly Alonso Vettel e Stroll a punti. Fuori dalla top 10, Sainz Russell Tsunoda Ocon Giovinazzi Leclerc Raikkonen Latifi Schumacher Mazepin

Verstappen prende la scia di Hamlton che nulla può per contrastare la Red Bull. Verstappen va in testa al GP di Francia

51° giro - A 2 tornate dalla fine, Verstappen è a 8 decimi da Hamilton

Finale emozionante, tra Hamilton e Verstappen 1"8 a 4 giri dal traguardo

48° giro - Perez passa in velocità Bottas e conquista la terza posizione

47° giro - Errore di Hamilton che perde un secondo e mezzo su Verstappen, ora a 3"4 mentre Perez ha preso Bottas

Hamilton riesce magicamente a girare sui tempi di Verstappen ora e il divario è di 4"9

46° giro di 53 - Bottas si lamenta che le gomme sono finite ed è raggiunto da Perez

44° giro - E ora è sfida aperta tra Hamilton e Verstappen divisi da 4"5 con 9 giri da completare

43° giro - Bottas prova a tenere Verstappen, ma sbaglia e perde il secondo posto

42° giro - 11 tornate al termine, Hamilton ha 4"2 su Bottas il quale ha Verstappen in scia. Fondamentale sarà il finlandese per aiutare il suo compagno di squadra facendo perdere tempo al pilota Red Bull

39° giro - La situazione: Hamilton Bottas Verstappen Perez Norris Ricciardo Gasly Alonso Sainz Vettel Tsunoda Stroll Russell Ocon Giovinazzi Leclerc (gomma media e doppiato) Latifi Raikkonen Schumacher Mazepin

39° giro - Pit stop numero 2 per Leclerc

38° giro - Hamilton ha abbassato il proprio tempo, evidentemente ha cercato di risparmiare le gomme nella fase precedente, ed ora prova a tirare

Primo pit-stop per Vettel che era partito con gomme hard, Alonso supera Sainz

37° giro - Verstappen gira almeno 2"5 più rapido di Hamilton ed è ora a 9"5 dal leader del Gran Premio

36° giro - Hamilton comanda con 2"4 su Bottas, 12" su Verstappen che ha superato Perez

Hamilton potrebbe provare a non fermarsi cercando di resistere con un solo pit-stop

34° giro - Norris supera il compagno Ricciardo e va a prendere anche Stroll, scavalcandolo

32° giro - secondo pit-stop per Verstappen che monta gomme medie a 20 giri dal termine

Hamilton ha rallentato perché rischia di rovinare troppo le gomme e di non arrivare alla fine, anche Verstappen via radio si dice preoccupato per lo stesso timore

Norris sale ottavo superando Sainz

30° giro - Verstappen Hamilton Bottas Perez Vettel Stroll Ricciardo Sainz Norris Gasly in top 10, poi Leclerc Alonso Raikkonen Tsunoda Russell Latifi Ocon Giovinazzi Mazepin Schumacher

Anche Gasly fa secco Leclerc che ha consumato le gomme troppo velocemente

Norris scatenato, dopo Gasly supera anche Leclerc

28° giro - Pit stop per Ocon e Giovinazzi. Gran sorpasso di Norris su Gasly per il decimo posto

Gran recupero della McLaren sulla Ferrari, con Ricciardo che passa Leclerc, già in difficoltà con le gomme. Il monegasco è anche superato da Sainz

27° giro - Verstappen Hamilton Bottas Perez Vettel Stroll (i due piloti Aston non hanno fatto pit essendo partiti con gomme hard) Leclerc Ricciardo Sainz Gasly Norris Ocon Giovinazzi Alonso Raikkonen Tsunoda Russell Latifi Mazepin Schumacher

26° giro - Verstappen e Hamilton vicini, ma non riesce a prendergli completamente la scia

Leclerc e Ricciardo superano Giovinazzi, che deve ancora fermarsi ai box

24° giro - Pit-stop per Perez e Norris

23° giro - Perez sempre primo con 4"  su Verstappen, ma il messicano non ha cambiato le gomme. Hamilton è a 6 decimi dall'olandese, poi Bottas a 7 decimi dal compagno di squadra. Quinto Norris poi Vettel Stroll Ocon Giovinazzi Leclerc Ricciardo Sainz Gasly Raikkonen Alonso Tsunoda Russell Latifi Mazepin Schumacher

20° giro - In testa c'è Perez che ancora non si è fermato ai box, poi Verstappen Hamilton Bottas Norris Vettel Stroll Ocon Giovinazzi Raikkonen. Da Norris a Raikkonen, non hanno fatto pit.stop

19° giro - Pit stop per Hamilton che entra di un soffio dietro a Verstappen. Incredibile il giro compiuto dall'olandese che beffa la Mercedes

18° giro - Cambio gomme per Verstappen Alonso e Latifi

17° giro - Pit stop per Bottas Sainz e Gasly

16° giro - Ricciardo al pit-stop per montare gomme dure e rientra dietro a Leclerc in 17esima posizione

Alonso sembra in difficoltà a tenere il passo e viene raggiunto da Ocon e Stroll

In crisi con le gomme, Leclerc va ai box come Raikkonen, per montare gomme dure

13° giro - Ricciardo raggiunge e supera Leclerc, si accende il duello Ferrari-McLaren

Vettel supera il vecchio rivale Alonso ed entra in zona punti al volante dell'Aston Martin

11° giro - Hamilton +2" su Verstappen +4"3 Bottas +8"2 Perez +20"8 Sainz +22"7 Gasly +23"6 Leclerc +25" Ricciardo +26"2 Norris poi Alonso Vettel Ocon Giovinazzi Stroll Raikkonen Tsunoda Latifi Russell Mazepin Schumacher

10° giro - Ricciardo supera Alonso per l'ottavo posto. Lo spagnolo si distrae e anche Norris lo infila

8° giro - Hamilton aumenta il divario su Verstappen e lo porta a 1"8 mentre Bottas nonostante l'invito del box Mercedes di attaccare l'olandese, non ci riesce e si tiene a 1"3 dalla Red Bull. Perez è quarto a 4"4 da Bottas, il messicano ha un vantaggio di 8" su Sainz, sempre quinto, ma con Gasly e Leclerc alle spalle

Bene la Ferrari che per ora sta tenendo fede al proprio obiettivo: tenere dietro le McLaren. Ricciardo è nono e sta lottando con Alonso, Norris è decimo

5° giro - Rimane di 1"5 il vantaggio di Hamilton su Verstappen mentre Bottas terzo prova a raggiungere l'olandese della Red Bull. Sermpre quinto Sainz e poi settimo Leclerc. I due piloti Haas, ultimi, Mazepin e Schumacher rischiano l'incidente...

3° giro - Dopo l'errore Verstappen tenta di rimediare e segna il giro più veloce, ma è a 1"5 da Hamilton. Terzo Bottas a 1"3 da Verstappen e controlla bene Perez. Sainz è quinto con 1" di vantaggio su Gasly che a sua volta vede Leclerc negli specchietti

Lungo di Norris, ma tiene la posizione intanto Vettel passa Ocon per la 11esima posizione. Da notare che Tsunoda è partito dai box ed ha già recuperato 3 posizioni

Parte bene Verstappen dalla pole, ma alla prima curva arriva lungo e Hamilton va primo. Bottas tiene il terzo posto davanti a Perez Sainz Gasly Leclerc Alonso Ricciardo Norris in top 10

Da rilevare che le tribune sono colme di appassionati

Via al giro di ricognizione: Ocon, Vettel Giovinazzi, Raikkonen, Mazepin e Stroll partono con gomma dura. Tutti gli altri montano Pirelli medie

Non piove al Paul Ricard, dopo il violento temporale abbattutosi stamane. Hamilton lo sperava, aveva più carte da giocarsi contro Verstappen.

«Adesso andiamo a prenderci i 25 punti che ci sono sfuggiti a Baku», ha sottolineato Max Verstappen dopo aver ottenuto la seconda pole stagionale sul circuito Paul Ricard di Le Castellet. L'olandese ha fatto un vero miracolo ieri, portando in cima alla classifica la Red Bull-Honda su un tracciato solitamente favorevole alla Mercedes. Verstappen comanda la classifica con 4 punti di vantaggio su Lewis Hamilton, entrambi a zero punti nella precedente gara di Baku.

Il sette volte iridato si è piazzato secondo in qualifica pur con una monoposto che fin dal venerdì non aveva gradito troppo. La Mercedes infatti, per questo Gran Premio ha deciso di "girare" i telai dei suoi piloti, così Hamilton si è ritrovato quello di Valtteri Bottas e il finlandese quello del britannico. «E’ tutto il fine settimana che faccio fatica e non sono mai stato contento della macchina, però alla fine, dopo tanti cambiamenti siamo arrivati a un buon livello - ha spiegato Hamlton - In rettilineo perdiamo un decimo, penso che Max abbia un passo migliore, ma non sono nervoso. Dalle libere alla qualifica siamo cresciuti, quindi siamo ottimisti, si potrà provare qualcosa in curva.

Insomma, Lewis non cede di un millimetro e prova a innervosire Verstappen. Stiamo vivendo un bellissimo campionato con una sfida tra due grandi piloti e due diverse squadre, Red Bull e Mercedes, come non accadeva dal 2017 quando era Sebastian Vettel con la Ferrari a mettere il muso davanti a quello di Hamilton. Vedremo anche il peso che avranno i loro compagni di squadra: Bottas è terzo, Sergio Perez è quarto davanti a un brillante Carlos Sainz con la Ferrari. Nel team italiano, che ha Charles Leclerc settimo, non si pensa neanche a puntare al podio, troppo il divario dai primi su questo tracciato. La corsa sarà sulla McLaren, in gioco il terzo posto nella classifica costruttori. I rivali inglesi hanno Lando Norris ottavo e Daniel Ricciardo decimo, dovranno quindi recuperare rispetto ai ferraristi. 

 

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Giugno 2021, 10:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA