Milan, Rebic più no che sì contro l'Inter. Scalpitano Brahim Diaz e Rafael Leao
di Luca Uccello

Milan, Rebic più no che sì contro l'Inter. Scalpitano Brahim Diaz e Rafael Leao

Niente derby per Ante Rebic: nessuna sfida con l'Inter, dunque. Il braccio fa ancora male, la lussazione al gomito sinistro subita nella sfida Crotone-Milan non è stata completamente superata. Pioli ci ha sperato, continua a farlo ma è difficile poter pensare di vedere in campo l’attaccante croato. Un’assenza importante, la prima scelta ma per fortuna non l’unica.

Il mercato, tra riscatti e arrivi, ha regalato al Milan molte alternative, tutte da prendere in considerazione contro la corazzata nerazzurra. Se il croato dovesse essere costretto a saltare il derby, al suo posto potrebbe giocare Brahim Diaz con Calhanoglu e Saelemaekers, tutti e tre alle spalle di Ibrahimovic. L’alternativa, quella che fino alla passata stagione era anche l’unica, sarebbe inserire Rafael Leao a sinistra al posto di Rebic.

La terza e ultima ipotesi vede in campo Castillejo a destra e Saelemaekers sulla fascia opposta come già successo nel primo tempo contro il Rio Ave. Chi non esce da questo gioco è sempre Hakan Calhanoglu e ovviamente Zlatan Ibrahimovic. Queste le possibilità scritte su un foglietto, quelle che Pioli potrebbe adottare ma non prima di riavere tutti i Nazionali a Milanello con un tampone negativo. L’obiettivo di Rebic è di tornare a disposizione di Pioli per la trasferta di Europa League contro il Celtic, in programma giovedì 22, oppure per la successiva sfida casalinga di campionato contro la Roma. Fin qui, come è stato per Ibra, la sua assenza non ha fatto perdere punti, segno che ormai la squadra rossonera è diventato un gruppo forte che non si basa più sul gesto del singolo. n serve più la giocata individuale di un giocatore per far vincere o perdere una partita. Segno di crescita, di grande maturità di una squadra che vuole tornare in Champions League e fino a quando la classifica lo permetterà tener testa anche a Juventus e Inter. Per la gara di sabato pomeriggio ore 18, Pioli può contare per la panchina anche su Andrea Conti. Il tecnico rossonero attende ora il ritorno a pieno ritmo anche di Mateo Musacchio, oltre ovviamente alla guarigione dal Covid-19 di Leo Duarte e Matteo Gabbia.

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 14 Ottobre 2020, 18:56

© RIPRODUZIONE RISERVATA