Il Napoli va sotto, poi dilaga: Verona battuto 5-2 al Bentegodi, a segno anche il nuovo idolo ​Kvaratskhelia

Il Napoli va sotto, poi dilaga: Verona battuto 5-2 al Bentegodi, a segno anche il nuovo idolo Kvaratskhelia

Il Napoli si spaventa, due volte, ma alla fine dilaga e vince 5-2 all'esordio in campionato contro l'Hellas Verona. La squadra di Spalletti va sotto al 29' con il gol di Lasagna ma risponde entro la fine del primo tempo con il primo gol in azzurro del nuovo idolo partenopeo Kvaratskhelia e la firma di Osimhen in pieno recupero. Nella ripresa un'altra distrazione difensiva dei due centrali Kim e Rrahmani costa il 2-2 di Henry ma a quel punto il Napoli mette la quinta e segna tre gol in 25' con Zielinski, Lobotka e Politano. Nel finale annullato dal Var anche un gol a Ounas. Prima dell'inizio minuto di raccoglimento in memoria di Claudio Garella, morto il 12 agosto, che vinse lo scudetto con entrambe le squadre.

 

Il tributo a Garella

Tributo da brividi a Claudio Garella nello stadio Marc'Antonio Bentegodi di Verona, prima dell'inizio del posticipo della 1/a giornata del campionato di calcio di Serie A fra Verona e Napoli. Un video con tutte le più belle parate di "Garellik" è stato proiettato prima del match e un lunghissimo applauso si è levato all'indirizzo del portiere dello scudetto conquistato dagli scaligeri nella stagione 1984/85, che è venuto a mancare tre giorni addietro. Moltissimi gli striscioni esposti dai sostenitori delle opposte fazioni. Garella, oltre a essere stato protagonista dello scudetto del Verona, lo è stato anche del primo titolo conquistato dal Napoli nella propria storia, al termine della stagione 1986/87.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 15 Agosto 2022, 21:29

© RIPRODUZIONE RISERVATA