Variante Omicron, focolaio al Belenenses: 13 calciatori contagiati. Tamponi anche al Benfica
di Enrico Chillè

Variante Omicron, focolaio al Belenenses: 13 calciatori contagiati. Tamponi anche al Benfica

Il Belenenses si era visto respingere la richiesta di rinvio della partita, poi la scoperta della nuova variante

Covid, in Portogallo i primi casi di variante Omicron riguardano una squadra di calcio. Si tratta infatti di 13 giocatori della rosa del Belenenses, che hanno costretto anche il Benfica a tamponi molecolari a tappeto.

 

Leggi anche > Positivi a Omicron anche moglie e figli del paziente zero: «Tutti vaccinati, sintomi lievi»

 

La squadra del Belenenses era decimata dalle assenze per Covid (sia tra i giocatori che tra lo staff tecnico) e aveva chiesto il rinvio della partita contro il Benfica, ma la Lega portoghese aveva respinto la loro richiesta e la formazione si era presentata in campo con appena nove titolari. Alla fine del primo tempo il Benfica era già avanti per 7-0 e tre infortuni hanno costretto il Belenenses a ritirarsi. Rui Costa, ex stella di Milan e Fiorentina e oggi presidente del Benfica, aveva dichiarato: «Questa partita è stata una vergogna, era sacrosanto chiederne il rinvio ma la Lega ci ha costretti a giocare».

 

Quello che di certo nessuno si aspettava è che i casi di positività di 13 giocatori del Belenenses fossero dovuti alla variante Omicron. Questo è stato accertato solo in seguito e sembra che tutto sia nato da un giocatore del Belenenses rientrato di recente dal Sudafrica. Il Ricardo Jorge National Health Institute ha messo in isolamento tutti i giocatori della squadra di Lisbona e le persone che sono entrate in contatti con i positivi, al di là del fatto che siano vaccinati. Il ministro della Salute portoghese Graça Freitas ha dichiarato alla radio Tsf che anche i giocatori del Benfica dovranno sottoporsi al tampone.


Ultimo aggiornamento: Martedì 30 Novembre 2021, 12:45

© RIPRODUZIONE RISERVATA