Torino, dramma per il portiere della Juve femminile: l'ex compagna trovata morta in casa. Si erano lasciate da poco

L'ipotesi più attendibile è che Camille Nell si sia suicidata con un mix di farmaci e acido muriatico, mentre l'ex compagna Pauline Peyraud-Magnin sta giocando gli Europei femminili con la sua Francia

Torino, dramma per il portiere della Juve femminile: l'ex compagna trovata morta in casa. Si erano lasciate da poco

L'ex compagna di Pauline Peyraud-Magnin, portiere della nazionale francese femminile e della Juventus, è stata trovata morta a inizio luglio. Camille Suzon Chantal Nell aveva 27 anni e da almeno tre settimane si era lasciata con il portiere impegnato negli Europei femminili in Inghilterra. 

Ipotesi suicidio

A riferirlo sono i media transalpini. Il corpo di Camille Nell è stato trovato senza vita lo scorso 4 luglio nell'abitazione a Torino che le due donne condividevano. Ha annunciato la sua intenzione di farla finita con un drammatico messaggio, ma, quando i carabinieri sono arrivati nel suo appartamento alle spalle di piazza Solferino, non c’era più nulla da fare.

Camille Nell, 27 anni si sarebbe tolta la vita in seguito a una profonda crisi depressiva, forse acuita dalla delusione amorosa. È questa la principale ipotesi avanzata dagli investigatori del nucleo operativo della compagnia San Carlo che, lo scorso 4 luglio, hanno ritrovato il cadavere di Camille Nell ai piedi del letto.

Una scena terribile, perché il corpo presentava alcune evidenti ferite provocate dai morsi dei due grossi cani della donna, un husky e un pastore tedesco, che dopo averlo vegliato per tre giorni, lo avrebbero parzialmente sbranato. Lesioni avvenute sicuramente dopo la morte che, secondo il medico legale, sarebbe avvenuta tra il 1 e il 2 luglio e sarebbe stata causata da un mix di farmaci antidepressivi e non solo. Secondo le indagini, infatti, la donna avrebbe ingerito anche dell'acido muriatico. Il flacone vuoto è stato infatti ritrovato nella stanza da letto, mentre nell’alloggio sono state recuperate molte altre confezioni di psicofarmaci. I risultati degli esami tossicologici non sono ancora arrivati e sull’inchiesta vige il massimo riserbo, ma sembra che non ci siano altre piste oltre quella del suicidio.

La scelta di Pauline Peyraud-Magnin

Il portiere della Juventus è comunque scesa in campo nelle prime due partite della Francia per rappresentare il suo Paese agli Europei. Nono stante la tragedia che l'ha colpita da vicino, Pauline Peyraud-Magnin ha scelto di continuare a svolgere il suo lavoro sul campo. La federcalcio francese ha chiesto il rispetto della privacy della giocatrice, mentre l'agenzia che ne gestisce gli interessi ha precisato di non voler «fare commenti sulla vita privata di Pauline».

 

Ultimo aggiornamento: Sabato 16 Luglio 2022, 12:40

© RIPRODUZIONE RISERVATA