​Lazio ancora in rimonta: Immobile e Parolo replicano a Belotti e battono il Toro 2-1. Inzaghi a -4
di Emiliano Bernardini

​Lazio ancora in rimonta: Immobile e Parolo replicano a Belotti e battono il Toro 2-1. Inzaghi a -4

Un'altra serata da Lazio. Un'altra vittoria in rimonta. Cor core e co li brividi come recita il suo inno. Dopo la Fiorentina anche il Torino va ko per 2-1. Rabbia e voglia di non mollare il sogno scudetto. La Juve resta lì. Nulla da fare per la squadra di Longo. Un'illusione durata un tempo. Poi la Lazio ha domitato sia sul piano atletico sia sul piano tattico. 

E pensare che la serata dell'Olimpico di Torino era cominciata nel peggiore dei modi. Dopo appena 5 minuti il Toro era in vantaggio per 1-0 grazie al rigore di Belotti (gol numero 12 in campionato. Il terzo di fila, dopo quello all'Udinese e al Cagliari). Errore clamoroso di Parolo che rimette dentro un pallone destinato fuori, Nkoulou calcia e Immobile tocca di mano. Penalty e giallo per Ciro che salterà il Milan. Così come Caicedo che si becca un'amminizione sciocca. 

LEGGI LA CRONACA

Parolo e Immobile finiscono per essere i protagonisti assoluti della gara. Nel bene e nel male. La Lazio alza il ritmo e schiaccia il Toro nella sua area ma senza fortuna. Ciro è frettoloso e si mangia due gol perché sceglie la potenza alla precisione. Inzaghi, in tribuna per squalifica, urla a squarciagola per svegliare la squadra. 

Guarda la classifica

Effetto immediato perché nel secondo tempo la Lazio sporca e cattiva trova di rabbia una vittoria fondamentale, la numero mille. Immobile si fa perdonare, abile nel capitalizzare un assist delizioso di Luis Alberto (e un errore di posizionamento di Lyanco): buca Sirigu, l'uno a uno è il gol numero 29. Il caldo torrido rende tutto più difficile. Inzaghi cambia e azzecca il jolly dalla panchina. Dentro Lukaku che crossa per Milinkovic, Sirigu è miracolo ma sulla ribattuta si avventa Parolo che fa 2-1. La Lazio esulta. Un'altra vittoria da grande squadra.
 
 

 
Ultimo aggiornamento: Martedì 30 Giugno 2020, 23:48

© RIPRODUZIONE RISERVATA