SuperLega, Florentino Perez insiste: «Progetto non è morto. E Juve e Milan sono ancora dentro»

SuperLega, Florentino Perez insiste: «Progetto non è morto. E Juve e Milan sono ancora dentro»

«Se pensate che la Super League sia morta, vi sbagliate di grosso». Florentino Perez continua la sua fedele difesa della Super League europea nonostante la competizione separatista si sia sbriciolata prima che iniziasse. Il presidente del Real Madrid era stato nominato presidente della competizione, che è stata annunciata domenica con 12 squadre fondatrici e con critiche diffuse. Perez ha parlato lunedì della necessità di cambiare il calcio, con i club in difficoltà finanziaria sulla scia della pandemia di covid-19, ma ha anche citato una mancanza di interesse per il gioco da parte delle giovani generazioni.

 

Eppure le sue parole hanno fatto poco per placare il clamore e, martedì, i sei club inglesi coinvolti nella competizione si sono ritirati tutti sotto la pressione della Premier League, della Federcalcio (FA), della Uefa e del governo del Regno Unito. I proprietari di Liverpool, Manchester United, Arsenal e Manchester City hanno tutti offerto scuse ai loro fan per il loro ruolo nei piani. Mercoledì si sono ritirati Atletico Madrid, Inter, Milan e Juventus, anche se Perez ha affermato che gli ultimi due rimangono impegnati.

 

Perez insiste sul fatto che non lascerà morire le proposte, ed è fermamente convinto che ci debba essere una drastica riforma del calcio, mantenendo la Super League Europea come un piano per salvare la partita. Parlando al programma radiofonico El Laguaro dopo la vittoria del Madrid sul Cadice, Perez ha detto: «Abbiamo lavorato ieri sera fino a tardi. Abbiamo lavorato molti anni su questo progetto. Non l'abbiamo spiegato molto bene, forse. Neanche a noi hanno dato una possibilità. Alcuni non vogliono che accada nulla. Non può essere che in Inghilterra i sei perdano soldi e 14 guadagnino. In Spagna i primi tre perdono soldi e gli altri ci guadagnano. non può continuare - al momento i ricchi sono quelli che stanno perdendo soldi».

 

«Sono un pò triste, deluso. Abbiamo lavorato tre anni su questo progetto, per combattere l'attuale situazione finanziaria nel calcio spagnolo. Non puoi toccare LaLiga, quindi cerchi più soldi a metà settimana e il formato della Champions League è obsoleto. Non ho mai visto un'aggressione così grande da parte del presidente della Uefa, è stata orchestrata, ci ha sorpreso tutti. Insulti e minacce, come se avessimo ucciso il calcio. Stiamo solo lavorando per salvare il calcio. Abbiamo lavorato molto duramente su qualcosa che potesse soddisfare tutti. C'era una campagna, totalmente manipolata, che stavamo per far finire i campionati nazionali. Che stavamo uccidendo il calcio, è stato terribile. Ma stavamo lavorando per il calcio, per farlo sopravvivere. Se pensate che la Super League sia morta, vi sbagliate di grosso».

 

Perez è stato ottimista anche di fronte alla condanna di Uefa e Fifa. «La realtà è la realtà. Guardate i record televisivi, e quante persone guardano grandi partite, e quante persone guardano le altre partite. Dobbiamo essere realisti», ha detto. «Quel nuovo formato della Champions League nel 2024 non ha significato. Nessuno può capirlo. Abbiamo bisogno di un nuovo formato per creare più soldi. I giovani tifosi non guardano il calcio, hanno altri hobby. Ho parlato con Laporta, il Barcellona è ancora con noi. La Juventus non se ne è andata, anche il Milan. Non ho paura della Fifa o della Uefa». Concludendo, Perez ha anche affermato che nessun club sarebbe in grado di permettersi acquisti importanti alla fine della stagione. «È impossibile fare acquisti come Kylian Mbappe e Erlin Haaland senza la Super League», ha detto. «Non solo per noi, non ci saranno grandi acquisti, per nessun club, senza la Super League. Quando ho preso il comando, il Real non poteva pagare i suoi giocatori. Abbiamo cambiato il mondo con gli acquisti dei Galacticos. Ora dopo il Covid-19, le cose devono cambiare di nuovo».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 22 Aprile 2021, 10:19

© RIPRODUZIONE RISERVATA