Silvano Martina: «Donnarumma già dimenticato dal Milan, Maignan è il più forte della A». Il retroscena Buffon-Lazio
di Eleonora Trotta

Silvano Martina: «Donnarumma già dimenticato dal Milan, Maignan è il più forte della A». Il retroscena Buffon-Lazio

«A Milano si sono già dimenticati di Donnarumma: Maignan è il più forte della Serie A». Silvano Martina non ha dubbi. L’agente di Buffon, con un passato anche nella Lazio, promuove a pieni voti la scelta del Milan per il post Gigio. «Mike è esperto e sta avendo un ottimo rendimento. Ripeto: nessuno si ricorda di Donnarumma. Tra l'altro, tutti i portieri giovani di adesso sono forti a livello di testa. Rispetto a quelli della nostra epoca sono decisamente più maturi. I fischi di San Siro per Donnarumma? Non gli avranno fatto piacere, ma in qualche modo è riuscito a gestirli».

 

 

Martina: «Donnarumma già dimenticato dal Milan, Maignan è il più forte della A». Il retroscena Buffon-Lazio

Di certo non è un momento facile per lui.

«Al Psg fa panchina come la faceva Buffon, ma all'epoca Gigi aveva 41 anni. Quest’anno Donnarumma si alternerà con Navas. Il futuro, in ogni caso, sarà di Gigio».

Torniamo ai volti nuovi della Serie A. Che voto dà a Rui Patricio?

«La Roma con il suo innesto ha risolto il problema tra i pali. Ha vinto col Portogallo, ha tante presenze in Nazionale ed è nel pieno della sua maturità. Gli ho visto fare ottime prestazioni: per me, a oggi, non ha commesso errori. Poi ha la stima totale di Mourinho, un sostegno fondamentale che gli permette di esprimersi ai massimi livelli. L'allenatore portoghese punta al coinvolgimento del gruppo. Ricordo quando, ai tempi dell'Inter, faceva i complimenti anche al terzo portiere Orlandoni».

Alti e bassi invece per veterani del nostro campionato, come Handanovic e Szczesny.

«Sbagliato parlare di crisi per Samir. È sempre reattivo. Lo sbaglio, nel caso, è quello di voler giocare tutte le partite. Questo comporta il consumo di tante energie: alla lunga 50-60 partite all’anno ti svuotano. Szczesny è un ottimo portiere. Magari ci sono stati errori di presunzione e di superficialità mentre col Napoli, secondo me, si è trattato di un errore tecnico».

Intanto i nerazzurri hanno bloccato Onana per il futuro.

«Non mi ha entusiasmato tantissimo con l’Ajax, ma se lo vogliono significa che lo conoscono meglio di me».

Come valuta invece la stagione di Strakosha?

«L'infortunio contro il Galatasaray capita una volta all’anno: non si giustifica e non va neanche commentato. Se in passato Buffon è stato vicino alla Lazio? Sicuramente lo volevano ai tempi di Zoff. Mentre nel 2020, prima di prendere Reina, ogni tanto con Tare ci scherzavamo su. Ma si è trattato solo di una suggestione».

Qual è l'obiettivo di Buffon?

A Parma sta facendo bene, non vedo responsabilità sui gol, anche se nessuno è contento dei risultati. Speravano di avere dei punti in più. Il campionato comunque è lungo e c'è tempo per risalire la classifica».

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 10 Ottobre 2021, 13:54

© RIPRODUZIONE RISERVATA