Roma-Udinese, Abraham stringe i denti, per Ibanez è una questione di ruolo
di Stefano Carina

Roma-Udinese, Abraham stringe i denti, per Ibanez è una questione di ruolo

Il turno infrasettimanale, con il derby alle porte, si porta dietro tanti dubbi legati alla formazione. Anche perché ieri Mourinho ha deciso di distogliere l’attenzione dal ko di Verona, riaccendendo i fari sulla rosa non all’altezza per competere con le big del torneo. Facendolo, ha regalato soltanto in parte alcune indicazioni sull’undici di questa sera. Se non è possibile fare a meno di Cristante e Veretout, a sinistra - visto il mancato recupero di Viña (l’uruguaiano avverte ancora dolore al ginocchio, si proverà ad averlo a disposizione per il derby) - dovrebbe giocare Calafiori. Il condizionale è d’obbligo. Perché José inizialmente lo definisce «un ragazzo valido». Poi però aggiunge: «È valido per noi. Se si fa la stessa domanda alle 4-5 squadre più forti della Serie A magari i loro allenatori rispondono che non è valido, perché loro hanno 2 giocatori forti e d’esperienza per ruolo. Riccardo ha bisogno di tempo per diventare un giocatore maturo». Parole che non escludono anche una scelta in extremis a sorpresa: dentro Ibanez che avrebbe il compito tattico di arginare Molina e poi in fase d’impostazione formare il terzetto insieme a Smalling e Mancini. Il brasiliano, sembra destinato a giocare. Se non a sinistra al centro. Mou, infatti, sta pensando se far rifiatare o meno il nazionale azzurro, in seria difficoltà domenica e sempre in campo nei 630 minuti disputati in stagione. Mancini, qualora Ibanez dovesse giocare al centro, è quindi in ballottaggio con Smalling. 
NICOLÒ RIPOSA 
Anche in avanti, qualche dubbio c’è. In primis vanno valutate le condizioni di Abraham. Il centravanti ha avvertito un leggero fastidio muscolare martedì ma ieri era regolarmente in gruppo. Mkhitaryan è pronto a riprendersi il posto. La novità di giornata dovrebbe essere il turno di riposo concesso a Zaniolo. Nicolò contro il Verona è apparso stanco, sempre secondo sul pallone e in difficoltà nel garantire il lavoro di copertura che il tecnico gli aveva chiesto alla vigilia. Se dovesse scendere in campo questa sera, difficilmente troverebbe spazio poi contro la Lazio. Probabile quindi che venga scelto Perez, elogiato dal tecnico non più tardi di qualche giorno fa come alternativa credibile nel ruolo.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Settembre 2021, 13:16

© RIPRODUZIONE RISERVATA