Roma-Bodo 4-0, le pagelle: Zaniolo campione ritrovato, ​Zalewski tesoro giallorosso, Mkhitaryan regista epico

Roma-Bodo 4-0, le pagelle: Zaniolo campione ritrovato, Zalewski tesoro giallorosso, Mkhitaryan regista epico

di Francesco Balzani

La Roma si è qualificata per le semifinali della Conference League, in cui affronterà il Leicester, battendo il Bodo Glimt per 4-0 nel ritorno dei quarti di finale giocato all'Olimpico. All'andata i norvegesi avevano vinto per 2-1.

 

LE PAGELLE DELLA ROMA

Rui Patricio 6: La papera dell’andata è un lontano ricordo. Fermo e deciso nei pochi interventi

Mancini 6,5: Dà una lezione di gioco all’italiana a Solbakken tenendolo lontano con sguardi e anticipi a viso alto

Smalling 6,5: Break imperiali quando c’è da alimentare il fuoco sulla brace. Trasmette relax nei momenti in cui c’è poco da spingere

Ibanez 7: Afa bollente sul collo dei norvegesi. Il brasiliano annienta Koomson tra tackle e recuperi da ovazione


Karsdorp 7: Si è fatto una full immersion di Ragnar Lothbrok. Entra con lo spirito vichingo contro chi vichingo lo è stato secoli fa. 

Mkhitaryan 7: Torna in regia, c’è da girare un film epico. Non sbaglia una mossa e quando c’è da andare sul set non si fa pregare. (86’ Veretout sv)

Cristante 7: Stanchezza? No, problem. Come un motore ibrido corre tanto e consuma poco mettendo in archivio pure verticalizzazioni interessanti


Zalewski 7,5: In equilibrio sopra la follia. Il servizio per Zaniolo è commovente, il resto della gara è un concentrato di attenzione e coraggio. La Roma ha cresciuto un tesoro (86’ Maitland-Niles sv)


Pellegrini 7: Avevo visto uno stadio così solo da tifoso. Ora è capitano, e guida la Roma con assist, buone idee e la giusta dose di cattiveria. (76’ Oliveira sv)

Zaniolo 8,5: E’ la sua notte. Sbuffa e scalpita come uno frisone occidentale prima di segnare una tripletta da sogno. Una iniezione di amore per un campione ritrovato (60’ Felix 6: entra a festa quasi conclusa)


Abraham 7: Ha il duro compito di accendere la fiamma per scottare i salmoni norvegesi. Lo fa dopo solo 4 minuti con un gol da record. Poi va vicino alla doppietta in tre occasioni (86’ Perez sv)


Mourinho 8: Capopopolo. L’Olimpico è ai suoi piedi, la squadra segue il destino di un vincente. La mossa Zaniolo è illuminante, l’approccio alla squadra è Special


Ultimo aggiornamento: Giovedì 14 Aprile 2022, 23:46

© RIPRODUZIONE RISERVATA