Le pagelle di Milan-Lazio 4-0: Leao e Giroud fanno volare Pioli. Disastrosa la difesa di Sarri

Le pagelle di Milan-Lazio 4-0: Leao e Giroud fanno volare Pioli. Disastrosa la difesa di Sarri

di Luca Uccello e Enrico Sarzanini

Il Milan si è qualificata per la semifinale di Coppa Italia battendo 4-0 la Lazio. Nel prossimo turno, con partite di andata e ritorno, sarà derby con l'Inter che ieri ha eliminato la Roma.

LE PAGELLE DI MILAN-LAZIO


MAIGNAN 6 Nessuna parata me sempre attento a non sbagliare niente, nemmeno un passaggio

CALABRIA 6 Avanti e indietro sempre alla stessa velocità, nel primo tempo come nell’altro. Quando c’è si sente, quando non c’è manca (33’ st Tomori 6: Ben tornato!)

KALULU 6 Questa Lazio non lo spaventa, mai

ROMAGNOLI 6 Capitan tranquillità. Mercoledì sera senza particolari fatiche e nemmeno preoccupazioni. Fosse sempre così…

THEO HERNANDEZ 6,5 Per non saper leggere e nemmeno scrivere un assist lui lo fa, poi a buttarla dentro ci pensino pure gli altri.

KESSIE 7 In decisa crescita. La delusione delle Coppa d’Africa è ampiamente superata. Ora che Frank è tornato si può tornare a lottare ad armi pari per il titolo!

TONALI 6,5 Partita di personalità, di grande presenza. Peccato per quel giallo che lo costringerà a guardare il primo derby di Coppa dalla tribuna di San Siro (1’ st Bennacer 6: entra per il ‘torello’)

MESSIAS 6 Pioli continua a dargli fiducia. Lui continua a non ripagarla pienamente… (16’ st Saelemaekers 6: ci mette il cuore)

BRAHIM DIAZ 7 Dopo aver acceso il derby, spegne definitivamente la luce alla Lazio di Maurizio Sarri. La seconda rete è tutta sua…

RAFAEL LEAO 7 Segna e fa segnare. Quando ha voglia è devastante, è imprendibile, è un campione. Il problema (33’ Maldini 6. Ci prova sempre)

GIROUD 7,5 I goal sono facili ma lui c’è sempre. È sempre lì quando serve, proprio come con l’Inter. Distrugge la Lazio e dà appuntamento ancora una volta alla squadra di Simone Inzaghi. Senza Zlatan, San Siro è ai suoi piedi… (16’ st Rebic 6: ancora indietro di condizione)

PIOLI 7 Vince anche questa. Ancora con la sua ex Lazio. Vittoria che vale la semifinale di Coppa Italia con un derby da vivere in centottanta minuti e soprattutto da vincere.

LAZIO

REINA 4 Sarà un caso ma è tornato al posto di Strakosha e la Lazio è tornata a subire gol. Non riesce mai ad essere incisivo.

HYSAJ 4,5 Sull'1-0 di Leao non fa scattare la trappola del fuorigioco, poi naufraga assieme a tutti i compagni di reparto. (16' st Lazzari 5,5: tenta una timida reazione).

LUIZ FELIPE 4,5 Si becca un giallo dopo appena 15' e questo lo condiziona non poco, si perde Leao sull'azione che sblocca la gara.

PATRIC 4,5 Una serata a dir poco nera. Sbaglia tutto quello che c'è da sbagliare, è in balia degli attaccanti del Milan che in avanti si divertono.

MARUSIC 4,5 C'è ma nessuno se ne accorge. Resta isolato all'angolino senza riuscire mai a tirare fuori la testa dalla sua area.

MILINKOVIC 6 E' uno dei pochi a non mollare mai nemmeno quando la supremazia del Milan è palesemente evidente ma non basta.

CATALDI 5 Arrugginito, non riesce mai ad innescare l'azione come ha mostrato di saper fare, a tratti sembra addirittura spaesato. (5' st Leiva 5: entra per limitare di danni ma ne fa anche lui).

BASIC 4,5 Lo preferisce a Luis Alberto ma delude. Da censurare l'errore in appoggio che innesca il Milan sull'azione del raddoppio. (5' st Luis Alberto 5,5: inizia bene ma poi non forza).

ANDERSON 5 Non ci siamo proprio. La panchina a Firenze non gli ha fatto per niente bene. Qualche strappo ma senza convinzione. (5' st Pedro 5: qualche fiammata ma non basta).

IMMOBILE 5,5 Non essere sempre lui a risolvere i problemi della Lazio.Se non segna lui non lo fa nessun altro. Esce per una brutta botta al polpaccio. (23' st Moro, sv).

ZACCAGNI 5,5 Sicuramente il meno peggio. Ci prova a che quando capisce che i compagno non sono scesi in campo.

SARRI 5 I tanti impegni lo costringono al turn over: schiera molti di quei giocatori che a Firenze erano (giustamente a questo punto) rimasti in panchina.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 9 Febbraio 2022, 23:06

© RIPRODUZIONE RISERVATA