Diavolo di uno Zlatan: doppio Ibra (poi ko), il Milan ai suoi piedi e resta leader
di Luca Uccello

Diavolo di uno Zlatan: doppio Ibra (poi ko), il Milan ai suoi piedi e resta leader

DONNARUMMA 6,5

Quasi meglio dell’Uomo Ragno nel primo tempo. Poi finisce le ragnetele. Gol preso o no è comunque sempre decisivo.

CALABRIA 6

Attacca quando può, non sempre, ma va bene così.

KJAER 6,5

Rischia di farsi male per salvare una rete, poi rischia anche di segnare un paio di volte

ROMAGNOLI 5

In difficoltà con Politano, fregato da Mertens. Non una grande serata per il capitano!

THEO HERNANDEZ 7

Imprendibile davanti, eccezionale anche dietro. Una partita praticamente perfetta con un cross al bacio per

KESSIE 6,5

Lo trovi ovunque, mai dove non dovrebbe essere.

BENNACER 6

Altri novanta minuti di passaggini, di grande corsa e la giusta sostanza. Novanta minuti anche con i soliti appoggi pericolosamente sbagliati. Alle sue spalle non c’è nessuno. Tonali è ancora indietrissimo.

SAELEMAEKERS 6

Ormai è un titolare quasi fisso. Dà quel senso di equilibrio che fa tanto comodo a Pioli  (28’ st Castillejo 5: il solito nulla cosmico).

CALHANOGLU 5

Il sacrificio non manca, la corsa nemmeno. Ma il mancato rinnovo comincia a pesare, a farsi sentire. Ma ha ragione Maldini. Bisogna essere felici in due, lui oggi non lo sembra ancora (42’ st Krunic ng).

REBIC 6,5

Pericoloso dietro, fondamentale sulla linea di porta. Bentornato Ante (28’ st Hauge 6: Zlatan fa in tempo di urlargli qualcosa dietro. La sveglia funziona: gran gol e Milan primissimo).

IBRAHIMOVIC 8

E sono dieci in campionato. Altra doppietta, la quarta. Dopo Mihajlovic, Conte e Fonseca, anche Gattuso si deve inchinare a Zlatan. Un giocatore infinito che ha trasformato il Milan in una squadra da scudetto. Speriamo che il problema al flessore sinistro non sia grave (34’ st Colombo 6: ha una grande palla da buttare dentro. Se non ci fosse stato Meret…).

BONERA 6,5

Buona la prima. Ora potrà ripetersi giovedì in Europa League e chissà forse anche domenica a San Siro contro la Fiorentina. Telecomandato da Pioli viene aiutato anche dal rosso di un vecchio amore Bakayoko

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 23 Novembre 2020, 00:08