L'Asl mette il Napoli in quarantena, ma la Juve: «Noi in campo lo stesso». Lega conferma gara: rischio 3-0 a tavolino

La Asl mette il Napoli in quarantena, ma la Juve: «Noi in campo lo stesso». La Lega conferma la gara. Rischio 3-0 a tavolino

La Lega di Serie A rimane ferma nella sua posizione: Juve-Napoli, nonostante le positività dei calciatori partenopei Zielinski ed Elmas, si deve giocare. Da Via Rosellini lo hanno ribadito con fermezza: la gara è confermata per oggi alle 20.45. E, d'altra parte, nel documento della Asl (di cui l'ANSA ha preso visione) che ha messo in fibrillazione l'intero calcio italiano, non è esplicitato il divieto di partire per Torino, né è sancito che il gruppo squadra debba rimanere a casa con le proprie famiglie. 

Covid, già due partite saltate in tre giornate: ecco perché la serie A rischia lo stop

Nella nota della Asl si parla correttamente di «isolamento volontario», ma l'azienda sanitaria, competente sul piano medico, non è tenuta ad esplicitare che giuridicamente il protocollo sugli atleti professionisti varato dal Ministero della Salute all'ultimo punto prevede la possibilità per i calciatori, a fronte della negatività del tampone, di scendere in campo e consentire il regolare svolgimento della gara. Salvo poi riprendere il periodo di quarantena fino al termine previsto. 
Questa documentazione apre quindi un altro scenario e determina anche la possibilità di una sconfitta a tavolino per il Napoli (la cui squadra Primavera peraltro ieri è regolarmente scesa in campo a Lecce per una partita del campionato di categoria) qualora non si presentasse oggi a disputare il big match della terza giornata allo Stadium di Torino. D'altra parte il Napoli non può avvalersi della norma varata dalla Lega, quella che prevede un solo rinvio a club durante la stagione per covid, perché con 13 giocatori a disposizione si deve scendere in campo. Pena lo 0-3 a tavolino. Condizione che al momento il Napoli non ha, avendo due giocatori contagiati e tutto il resto della squadra a disposizione.​​
 
 


Ultimo aggiornamento: Domenica 4 Ottobre 2020, 12:22

© RIPRODUZIONE RISERVATA