Mourinho alla Roma, Capello: «Josè è l'uomo giusto, si esalterà anche qui»

Video
di Stefano Carina

Fabio Capello, oggi apprezzato commentatore di Sky, è stato l'allenatore che ha vinto l'ultimo scudetto con la Roma (2000-01). L'associazione con lo Special One, è stata pressoché immediata. Venticinque trofei Mourinho, venti il friulano (6 da calciatore, 14 in panchina): difficile trovare uomini più vincenti nel panorama calcistico italiano.


Capello, ha saputo dell'annuncio di Mourinho alla Roma?
«Guardi mi hanno avvisato appena qualche minuto fa. Incredibile».


Sorpreso?
«Abbastanza ma molto contento. È un allenatore vincente, adatto ad una città come Roma».

Mourinho alla Roma, vincente e provocatore: «Non vedo l’ora, daje!»

Mourinho, nuovo orgoglio e speranza: Roma diventa Caput Mou


Si riferisce alle pressioni?
«Sapete come la penso, l'ho detto tante volte. Mourinho ha lavorato in grandi piazze come Londra, Milano e Madrid ma quella romana è diversa da tutte le altre. Dovrà imparare a conoscerla quanto prima ma sono certo che lo farà. È un uomo intelligente che sa muoversi bene. L'errore che non deve commettere è quello di pensare che lavorare a Roma sia come a Milano o altrove. Ad esempio, i social ormai ci sono ovunque, le radio locali no. È una città difficile ma lui in contesti così complicati si esalta».


Lei però, radio o non radio, alla fine nella Capitale ha comunque vinto.
«Ci sono riuscito perché avevamo una grande squadra, con tanti campioni».


Quello che sembra mancare alla rosa giallorossa.
«Io penso sia un'ottima squadra, ha buonissime individualità, giocatori che possono rendere molto di più rispetto a quello che sinora hanno fatto».


Qualche nome?
«Preferisco non farli, altrimenti poi si creano sempre polemiche che vorrei evitare. Ma ripeto, la rosa è molto buona. In questa stagione la squadra per qualche mese ha giocato anche bene, è stato divertente vederla in campo. Poi ha patito diversi infortuni, c'è stato qualche problema interno (caso Dzeko, ndr) e sono mancati giocatori che davano qualcosa in più nei momenti topici. Va certamente integrata con grandi giocatori anche a livello di personalità».

 

 


Mourinho è il biglietto da visita della nuova proprietà statunitense per tornare a vincere?
«Per quello, oltre al grande allenatore, servono anche i grandi giocatori. Spero per i tifosi romanisti che faccia tanto bene come ha fatto all'Inter».


Ritiene che abbia avuto delle rassicurazioni dai Friedkin?
«Uno come Mourinho se va in un club è perché ha parlato con la proprietà che lo ha reso partecipe di quali sono i programmi presenti e futuri. Non è certamente un tecnico che si sposta a scatola chiusa. Sono curioso di capire cosa faranno insieme ai Friedkin. L'importante è che lavorino con idee in comune. E che si confrontino: sono certo che lo faranno».


Quali sono le caratteristiche migliori del tecnico portoghese?
«È un allenatore di grande prestigio, d'esperienza, un ottimo motivatore. Ha personalità da vendere che inevitabilmente si riflette nelle squadre che allena. E soprattutto è un tecnico che conosce bene l'Italia. Così è tutto molto più facile. Non avrà bisogno dell'inevitabile periodo di adattamento, di capire come funzionano le dinamiche mediatiche. Parte certamente avvantaggiato».


Mourinho è un vincente. I 25 trofei in carriera (gli ultimi alla guida del Manchester United) sono il suo biglietto da visita. La preoccupa il fatto che arrivi da tre esoneri consecutivi?
«Beh, basta allora...(ride). Ha già dato, non trova?»


Ultimo aggiornamento: Giovedì 6 Maggio 2021, 10:28

© RIPRODUZIONE RISERVATA