È morto Pierino Prati: giocò nel Milan e nella Roma

È morto Pierino Prati: giocò nel Milan e nella Roma

È morto Pierino Prati, giocò con il Milan e con la Roma. Ad annunciarlo è Bruno Conti sul suo profilo Instagram. Pierino Prati  è morto a 73 anni e da tempo era malato. Fu  campione d’Europa con la Nazionale italiana nel 1968 e finalista mondiale nel 1970. 

Con la maglia del Milan Pierino Prati vinse tutto: un campionato nel 1967/68, 2 coppe delle coppe, una coppa dei Campioni e una Coppa Intercontinentale. Chiuse l'esperienza al Milan nel 1973, quando passò alla Roma, dove giocò fino al 1977, quando vestì la maglia della Fiorentina. 
 


Con il Milan Prati, in campionato, collezionò 143 presenze e 82 gol. In totale raccolse 209 partite e 102 gol in maglia rossonera. Nella finale di Coppa dei campioni contro l'Ajax segnò addirittura una tripletta, la partita finì 4-1. Nella Roma, invece, siglò 28 reti in 82 presenze in Serie A.
 


«Il calcio italiano piange un altro grande campione. Prati è stato un calciatore straordinario, un bomber di razza, una stella che ha brillato in tutte le squadre in cui ha giocato». Così il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina ricorda Pierino Prati.

Cresciuto calcisticamente con la maglia del Milan, Prati è stato campione d'Europa con la Nazionale italiana nel 1968 e finalista mondiale nel 1970 in Messico, dove gli Azzurri vinsero la medaglia d'argento. Nato a Cinisello Balsamo nel dicembre 1946, ha vestito la maglia del Milan dal 1967 al 1973 al fianco di Giani Rivera, vincendo un campionato, due coppe Italia, due coppe delle Coppe, una coppa dei Campioni e una coppa Intercontinentale. Poi il suo passaggio alla Roma dove ha giocato dal 1973 fino al 1977, lasciando un ricordo indelebile nei cuori dei tifosi giallorossi. Nella sua carriera anche le esperienze con Salernitana, Savona, Roma, Fiorentina e Rochester Lancers. Da allenatore, invece, si è seduto sulle panchine di Lecco, Solbiatese, Sporting Bellinzago e Pro Patria
Ultimo aggiornamento: Lunedì 22 Giugno 2020, 22:56

© RIPRODUZIONE RISERVATA