Milan, Maignan si ferma ancora: problema al polpaccio. Si teme uno stop fino al 2023

Milan, Maignan si ferma ancora: problema al polpaccio. Si teme uno stop fino al 2023

È l'ennesima brutta notizia. L'ennesimo intoppo nella stagione del Milan. Mike Maignan si ferma ancora, sempre per un problema al polpaccio, infortunio che lo aveva già fermato durante la sosta delle Nazionali. Sembrava ormai in via di recupero, si parlava della sfida contro il Monza di sabato pomeriggio come la data da cerchiare sul calendario per definire il ritorno in campo del portiere francese. Così il Milan avrebbe potuto contare sul suo portiere titolare nei due match decisivi di Champions League.

«Spero di stare bene per la partita con il Monza ma dobbiamo vedere ancora se sono pronto al 100%. È vero, ho detto al mister e al dottore che volevo giocare dal primo minuto già contro il Verona ma questo infortunio è pericoloso e ho ascoltato loro che ne sapevano più di me e mi sono fermato a lavorare e tornare pronto», aveva detto lunedì a margine del Gran Galà del Calcio. 'Un infortunio pericolosò che sembra non gli voglia dare vita facile e, con il Mondiale ormai alle porte, la notizia dell'ennesimo stop è la peggiore per il portiere francese. Avere Maignan tra i pali dà maggiore sicurezza a tutto il gruppo rossonero.

«Con lui in campo miglioriamo», aveva ammesso anche Tomori lunedì sera. Invece con ogni probabilità, in attesa dell'esito degli esami strumentali, sarà ancora Tatarusanu a difendere la porta del Milan, con Kjaer sulla via del recupero tanto che ha iniziato ad allenarsi in gruppo. Prima della sosta per il Mondiale, i rossoneri affronteranno Monza, Dinamo Zagabria, Torino, Salisburgo, Spezia, Cremonese e Fiorentina. Un calendario non proibitivo in cui il Milan deve centrare la qualificazione agli ottavi di Champions League. Obiettivo chiesto dal club ad inizio stagione. Anche se avrà un asso - Mike Maignan - in meno.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19 Ottobre 2022, 20:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA