Milan-Juve 0-0, le pagelle: Tonali oscura Locatelli, Giroud e Morata delusioni
di Luca Uccello e Timothy Ormezzano

Milan-Juve 0-0, le pagelle: Tonali oscura Locatelli, Giroud e Morata delusioni

Milan-Juve finisce senza gol, le pagelle della super sfida di San Siro.

 

PAGELLE MILAN

 

MAIGNAN 6 Serata fredda, umida e inoperosa. Sei di stima

CALABRIA 6,5 Quando c’è si fa sentire. Una partita di spinta, di grande forza. Mai in difficoltà, sempre pronto a colpire. Esce senza fiato. (30’ st Florenzi 6: Non fa rimpiangere il titolare)

KALULU 6,5 Bravo Pierre. Inutile andare a cercare un altro difensore centrale quando c’è lui. Attacco della Juventus annullato.

ROMAGNOLI 6,5 Meriterebbe il rinnovo di contratto solo per questa partita…

THEO HERNANDEZ 6 Quando parte è imprendibile. Peccato che con la Juventus ci riesca poco

TONALI 6,5 Vince la sfida a distanza con Locatelli dimostrandosi padrone assoluto del centrocampo

KRUNIC 5,5 Rimane in campo per novanta minuti in modo ordinato

MESSIAS 5 Da lui Pioli si aspetta sempre un dribbling vincente, la giocata che può cambiare la partita. Ma anche contro la Juventus, sarà per la prossima volta (16’ st Saelemaekers 6: più vivo, più pericoloso. Sfiora il gol con una grande giocata su De Sciglio)

BRAHIM DIAZ 6 Piccolo, fastidioso e a tutto campo per necessità tattiche. (16’ Bennacer 6: si vede che è arrabbiato per la sua Coppa d’Africa)

RAFAEL LEAO 5,5 Sbaglia un rigore in movimento ma è bravissimo a procurarselo. Quando decide di accelerare è imprendibile. Il problema sono le pause, troppo lunghe… (30’ st Rebic 5: troppo poco tempo per decidere la partita)

IBRAHIMOVIC 6 Si vede che ci tiene ma dietro la caviglia destra, il tendine fa male. Smorfie di dolore e cambio necessario per evitare il peggio (28’ st Giroud 5: un solo colpo di testa non può valere la sufficienza)

PIOLI 6 Un punto con la Juventus non si discute. Ma l’Inter resta a più quattro con una partita in meno. E il Napoli ha nuovamente gli stessi punti del suo Milan. E come non bastasse continua a non battere Allegri in carriera. Insomma si poteva fare di più…

 

PAGELLE JUVENTUS

 

SZCZESNY 6,5 Attento sui due tentativi di Leao, sul mancino di Theo e l'incornata di Giroud. Puntuale.

DE SCIGLIO 6 Ingaggia una bella sfida a tutto campo con Leao. Il soldato di Allegri risponde presente, ma spinge poco.

RUGANI 6,5 Sesta consecutiva da titolare, dovuta al forfait di De Ligt (gastroenterite). Non sbaglia quasi mai posizione. Pulito, attento.

CHIELLINI 6,5 La sfida con Ibra dura appena 27 minuti, poi monta la guardia su Giroud e mura un tentativo di Theo. E per lui sono 550 gettoni in bianconero, 2 in meno di un certo Scirea.

ALEX SANDRO 6 Rischia subito il rigore tamponando Calabria, poi prende le misure ai rossoneri.

CUADRADO 6 Tiene botta contro Theo, in un duello ad alta velocità. Ma non riesce a incidere come potrebbe (20' st Bernardeschi 5,5: si sbatte ma combina poco).

BENTANCUR 7 Tanta corsa, diversi recuperi. Molto più convincente di altre volte (45' st Rabiot ng).

LOCATELLI 6 Il grande ex torna a casa e si becca subito un giallo (severo) che gli farà saltare il Verona. Cresce con il passare dei minuti, ma si accende a intermittenza (20' st Arthur 6: gestisce senza sbavature).

MCKENNIE 5,5 Fatica a entrare nei radar della partita. Poco dinamismo, nessun inserimento. Non è questo il vero Weston.

DYBALA 5,5 L'approccio è ottimo, come l'intesa con Cuadrado, ma non punge praticamente mai ed evapora nella ripresa (45' st Kuklusevski ng).

MORATA 5 Dovrebbe riempire l'area, ma è troppo spesso a spasso. Reclama inutilmente un rigore per fallo di Messias. Brutta prova (29' st Kean 6: pochi minuti ma abbastanza per fare qualcosa in più dello spagnolo).

ALL. ALLEGRI 6 La sua Juve combina poco, accontentandosi di alzare il muro e strappare un punticino.


Ultimo aggiornamento: Domenica 23 Gennaio 2022, 23:47

© RIPRODUZIONE RISERVATA