Milan, emergenza senza fine: con il Chelsea senza sei titolari

Milan, emergenza senza fine: con il Chelsea senza sei titolari

di Luca Uccello

E adesso il Chelsea. Un'altra battaglia, in versione Champions mercoledì. Di quelle che si preparano da sole. Di quelle che non hanno bisogno di tante parole da Stefano Pioli.
Partite che però bisognerà giocare in emergenza, con una difesa ancora una volta da inventare. Perché non ci saranno Florenzi e Theo Hernandez. Perché continuerà a mancare anche Mike Maignan. Novanta minuti da giocare allo Stamford Bridge anche senza capitan Davide Calabria e nemmeno Simon Kjaer entrambi usciti a Empoli per un problema muscolare, per problemi, entrambi, al flessore destro. Entrambi verranno valutati nella giornata di oggi a Milanello. Sicuramente qualcosa nella preparazione forse è stato sbagliato.
Ma non è il momento di fare accuse. Bisogna giocare, con i cerotti, e il solito coraggio da vendere. Quello mostrato in campo anche al Castellani in una gara che sembrava non volersi sbloccare. E invece ci ha pensato Rafael Leao.

E proprio lui dovrà caricarsi la squadra sulle spalle in un momento di difficoltà.
Difficoltà per costruire una difesa in grado di opporsi alla forza dei Blues. Certamente le alternative, grazie al mercato di Maldini e Massara, non mancato. A destra può giocare Dest come Kalulu. Al centro Tomori è sicuro di guidare la difesa, al suo fianco può esserci il solito Kalulu o Malick Thiaw che farebbe il suo esordio dal primo minuto. A sinistra un incredibile Ballo-Tourè diventato il difensore del momento dopo la rete della rimonta messa a segno contro l'Empoli.
La rete dell'1-2 per il Milan. Insomma, Pioli può ancora scegliere. Brutte notizie anche da Saelemaekers: lesione parziale del collaterale per il belga, con il rischio che Alexis torni solo nel 2023.
riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Lunedì 3 Ottobre 2022, 15:03

© RIPRODUZIONE RISERVATA