Bakayoko fermato dalla polizia a Milano, ma l'agente non lo riconosce: perquisito con la pistola puntata VIDEO

Il centrocampista francese, che dovrebbe lasciare il Milan questa estate, protagonista suo malgrado di un'incredibile disavventura

Bakayoko fermato dalla polizia a Milano, ma l'agente non lo riconosce: perquisito con la pistola puntata VIDEO

Milan, l'incredibile disavventura di Tiemoué Bakayoko. Il centrocampista francese, in prestito dal Chelsea e in uscita dal club rossonero, ha avuto un'esperienza decisamente poco piacevole durante un controllo della polizia.

Giroud mattatore: il Milan batte il Colonia e vince la Telekom Cup

Il mediano di origini ivoriane, che compirà 28 anni tra un mese, è stato infatti fermato dalla polizia a Milano, mentre viaggiava a bordo del suo Suv, un Bmw X6. Come testimoniato dal video girato e postato su Twitter da due ragazzi, Bakayoko non è stato riconosciuto dagli agenti e, per ragioni imprecisate, la situazione si è fatta subito molto tesa, fino a degenerare. Non proprio il miglior ricordo finale per un calciatore in procinto di lasciare Milano e che, nelle prime amichevoli estive, sembra lontano dalla migliore condizione ed un corpo estraneo rispetto agli schemi di Pioli.

In pochi istanti, Bakayoko è stato infatti costretto dagli agenti ad appoggiarsi alla volante della polizia ed è stato sottoposto, suo malgrado, ad un controllo. Il tutto, mentre un'agente puntava la pistola verso l'abitacolo del suv del calciatore del Milan. Non è chiaro chi viaggiasse in auto insieme a Bakayoko, ma dopo diversi attimi di tensione, uno dei poliziotti si rende conto del clamoroso fraintendimento e informa il collega. L'espressione di quest'ultimo è tutta un programma...


Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Luglio 2022, 12:42

© RIPRODUZIONE RISERVATA