Il calciatore Miguel Van Damme di nuovo malato di leucemia: «La cura non funziona, ora voglio tenermi in vita il più a lungo possibile»

Miguel Van Damme, portiere 27enne del Cercle Brugge di nuovo malato di leucemia: «La cura non funziona, ora voglio tenermi in vita il più a lungo possibile»

Miguel Van Damme, portiere 27enne del Cercle Brugge, ha annuciato che la leucemia è tornata per la terza volta, ma ora per lui non ci sono più cure. Il giovane calciatore ha spiegato in un video su Instagram che per la terza volta nella sua vita il tumore è tornato, ma se prima c'è sempre stata una speranza, ora questa sembra non esserci più.

Leggi anche > Francesco Totti incontra Ilenia, la ragazza uscita dal coma grazie al video messaggio del capitano



«Purtroppo, sono di nuovo qui con cattive notizie. Ieri i risultati della biopsia del midollo osseo hanno dimostrato che la leucemia è tornata nel midollo osseo. Ciò significa che il trattamento che sto ricevendo ora non funziona», ha detto ai suoi follower con il volto visibilmente provato dalla notizia ricevuta. In passato si era sottoposto al trapianto di midollo osseo e inizialmente sembrava procedere per il meglio, ma la malattia è tornata: «Il trattamento non funziona, e ora l'unica cosa che possono fare è tenermi in vita il più a lungo possibile», ha aggiunto.

«Non ci sono altre opzioni ora, perché ho già avuto tutto quello che posso avere. Non ci sono più trattamenti adesso. L'unica cosa che possono fare per me ora è tenermi in vita il più a lungo possibile, finché qualcuno da qualche parte nel mondo non si presenta con un nuovo trattamento. Purtroppo non è ancora così.Ora vengo messo in quarantena per 4 settimane con la chemioterapia. Questo ha già dimostrato che può espellere la leucemia dal mio corpo, anche se solo temporaneamente. Questo potrebbe darmi un po ‘di tempo». Si tratta di una situazione molto difficile, soprattutto dal punto di vista psicologico, ma il 27enne non ha alcuna intenzione di lasciarsi andare: «Per quanto tempo posso continuare così, non lo so. Di certo non mi arrenderò e farò di tutto per rimandarlo il più a lungo possibile. Sarà molto dura, per via della cruna dell'ago, un po ‘di speranza, continuo a crederci. Non mi arrenderò mai. Sarà molto dura, sono sulla cruna dell'ago, un po ‘di speranza, continuo a crederci. Non mollerò mai».
Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Settembre 2020, 12:12

© RIPRODUZIONE RISERVATA