Mario Ferri, invasione di campo ai Mondiali: fermato e subito rilasciato. Ma il pescarese non è l'unico 'ribelle'

Video

I protagonisti di Portogallo-Uruguay, sono stati tre: Bruno Fernandes, Cristiano Ronaldo e Mario Ferri. Chi è quest'ultimo? Il suo nome non è di certo sconosciuto ai tifosi itliani che sanno che il pescarese, anche noto come "falco", non è nuovo alle invasioni di campo.

Fermato e subito rilasciato

Mario Ferri in campo è stato letteralmente placcato dagli steward che di forza l'hanno trascinato fuori dal rettangolo di gioco. Il tifoso pescarese è rimasto in stato di fermo diverse ore ma è stato poi rilasciato.

Mondiali di Calcio: chi vince la sfida degli ascolti tra la Rai 2022 e Mediaset 2018?

Cristiano Ronaldo, dove andrà dopo Manchester? Arriva l'offerta choc dello sceicco: «Triennale da 216 milioni»

Lele Adani risponde alle critiche dopo la telecronaca: «Ha parlato Messi, io ho solo trasferito»

Cos'è successo

Mario Ferri non è nuovo alle invasioni di campo, anzi: il tifoso pescarese si è fatto conoscere proprio per questo. Durante le partite, che siano di campionato o internazionali, come nel caso dei Mondiali in Qatar, lui interrompe il gioco entrando in campo.

Questa volta però, l'ha fatta grossa: "falco" ha invaso il terreno di gioco (prima dell'azione gol innescata da Ronaldo), sventolando la bandiera arcobaleno e indossando una t-shirt con su scritto: "Respect for Iranian Women" e "Save Ukraine". Il video ha fatto il giro dei social ma le immagini non sono state mostrate in tv dalla regia internazionale. 

 

Tifosi si ribellano alle leggi del Qatar

Nonostante il gesto più plateale sia stato quello di Ferri (che dopo essere stato fermato dalla sicurezza, è stato accompagnato fuori dal campo), anche altri tifosi in tribuna hanno cercato di veicolare precisi messaggi.

Sono state sequestrate diverse sciarpe, bandiere e magliette arcobaleno e qualsiasi oggetto appoggiasse la protesta delle donne in Iran.

 

Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Novembre 2022, 12:43

© RIPRODUZIONE RISERVATA