Malinovskyi choc: «Piangete per i prezzi di luce e gas? Pensate all'Ucraina». Ma il post era un fake

Malinovskyi choc: «Piangete per i prezzi di luce e gas? Pensate all'Ucraina». Ma il post era un fake

«La prossima volta che piangerete per i prezzi del gas e dell'elettricità, ricordatevi del prezzo che ogni ucraino paga per la vostra pace»: queste parole, scritte su Facebook dal giocatore ucraino dell'Atalanta Ruslan Malinovskyi, hanno fatto il giro del web nella giornata di ieri. Ma come, si chiedevano in tanti, un calciatore multimilionario che osa parlare dei problemi di tutti i giorni della gente comune?

«Piangete per le bollette? Ricordate cosa pagano a Kiev». E posta la foto di un 16enne ucciso

Oggi però viene fuori che quelle parole, Malinovskyi, non le ha mai scritte. Tutto falso, o almeno così sembra, perché nelle sue stories di Instagram il fantasista ucraino della Dea nega di aver scritto quel post. «La prossima volta che piangerete per i prezzi del gas e dell'elettricità, ricordatevi del prezzo che ogni ucraino paga per la vostra pace. Iliya è stato ucciso a Mariupol quando giocava a calcio sul campo di gioco. Per niente. Solo perché la Russia è uno stato terrorista», si leggeva nel post in riferimento al sedicenne morto sotto i bombardamenti il 4 marzo scorso e ritratto in una famosa foto dell'Associated Press mentre il padre lo piange.

Malinovskyi però chiarisce: «Non gestisco questa pagina Facebook (peraltro rimossa, ndr), ho solo Twitter e Instagram - protesta il centrocampista -. Non considero assolutamente la norma l'aumento dei prezzi di gas ed elettricità e so quanto sia difficile per molti». Sconsolata la sua chiosa: «Mi sono già lamentato di questa notizia».


Ultimo aggiornamento: Sabato 6 Agosto 2022, 19:42

© RIPRODUZIONE RISERVATA