Eriksen e Lukaku dal dischetto: l'Inter passa in casa del Ludogorets 2-0

Eriksen e Lukaku dal dischetto: l'Inter passa in casa del Ludogorets 2-0

Aveva ragione chi invocava Eriksen titolare. Sono gli stessi che adesso si chiedono se Antonio Conte lo confermerà dall’inizio anche domenica sera contro la Sampdoria, in campionato. È grazie al danese, arrivato a fine gennaio dal Tottenham, e a Lukaku dal dischetto che l’Inter si impone in casa del Ludogorets nell’andata dei sedicesimi di Europa League (0-2). Così i nerazzurri tornano a vincere: dopo la rimonta epica nel derby contro il Milan, la squadra di Conte aveva perso sia in Coppa Italia contro il Napoli sia all’Olimpico contro la Lazio, scivolando in terza posizione.

LEGGI ANCHE --> Le pagelle: prima gioia per Eriksen, brutta prestazione per Lautaro Martinez

Serviva una reazione, che arriva in Europa, nonostante il massiccio turnover dell’ex ct, che lascia in panchina Lukaku, affidandosi a Sanchez accanto a Lautaro Martinez. Ed è proprio l’argentino, nel giorno degli elogi di Lionel Messi, l’unica nota negativa nella serata bulgara dell’Inter. Non solo. Il numero 10 si fa anche ammonire e ora sarà squalificato. Non ci sarà così tra una settimana a San Siro nella gara di ritorno. Il primo tempo non è molto bello. C’è solo un’occasione di Biraghi che tira al volo, su assist di Moses, trovando la risposta di Iliev. Va meglio nella ripresa con il palo di tacco di Sanchez. Qui si sveglia Eriksen che fa tutto in 10’: impegna Iliev con una conclusione al volo, segna il suo primo gol interista su tocco di Lukaku (appena entrato) e centra la traversa. Quanto basta per far capire a Conte che c’è anche lui per la corsa scudetto. Nel recupero chiude Lukaku su rigore (concesso grazie all'intervento del Var).


LEGGI LA CRONACA
 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 20 Febbraio 2020, 21:52

© RIPRODUZIONE RISERVATA