Lazio, i bookmakers inglesi quotano l'addio di Milinkovic

Lazio, i bookmakers inglesi quotano l'addio di Milinkovic

di Enrico Sarzanini

Dopo i sette colpi di Lotito che ha già pronto l’ottavo (Provedel salvo intoppi) l’attenzione dei tifosi laziali adesso è tutta per Milinkovic. “Se il Sergente non parte possiamo puntare il alto” il tormentone sui social e nelle radio, il timore è che alla fine il serbo lasci Roma. Sulla questione è bene fare chiarezza e soprattutto partire dalle volontà di Sarri che, mai come in questo mercato, è stato accontentato praticamente su tutto: l’allenatore considera Milinkovic il cardine della sua Lazio e Lotito ha sempre chiarito di non aver messo il giocatore sul mercato ma se dovesse arrivare un’offerta irrinunciabile (dai 60 milioni di euro in su) il patron tratterà. Fino a oggi quell’offerta a Formello non è mai arrivata anche perché il patron biancoceleste ha chiarito che accetterà solo cash senza contropartite. 

Un paletto che riduce al minimo le pretendenti anche se la Juventus dopo gli infortuni di Pogba e MvKennie sogna di fare un regalo ad Allegri. Il dispendioso mercato fatto in queste settimane dai bianconeri però rende l’operazione quasi impossibile alle condizioni dettate da Lotito. Il vero pericolo arriva dall’estero e secondo gli esperti di Olybet il giocatore serbo è finito nel mirino di Manchester United e PSG, entrambe offerte a 4 volte la posta, in vantaggio sulla Juventus, in quota a 5. E se parte? A Formello giurano di avere già un piano B, tra i nomi ci sarebbero Zielinski, Loftus-cheek e Sucic. Non resta che attendere, se a mercato chiuso Milinkovic sarà ancora alla Lazio Lotito proporrà al giocatore il rinnovo fino al 2025 (con clausola rescissoria) per evitare che nel 2024 vada via a zero. Ieri intanto visite mediche alla Paideia e firma sul triennale (a 1,7 più bonus) per Vecino che avrà la maglia numero 5 e da domani si allenerà a Formello dove oggi alle 16 verranno presentati Casale e Cancellieri.


Ultimo aggiornamento: Martedì 2 Agosto 2022, 07:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA